Utente 468XXX
Buonasera Dottori,
siamo un coppia, rispettivamente 33 anni io e 48 anni lui.
Stiamo facendo degli esami per un tentativo di PMA di II livello.
Oggi abbiamo ritirato l'esito dello spermiogramma, vorrei un vostro parere:

Giorni di astinenza: 4

Volume: 2.8 ml
pH: 7.8
Viscosità: non valutabile
Fluidificazione: irregolare o incompleta

Numero di spermatozoi/ml: 12.2 milioni
Totale spermatozoi eiaculati: 34.1 milioni
Totale spermatozoi mobili: 21.7 milioni

Motilità totale (pr + np): 63.7 %
Motilità progressiva (pr): 38.9 %
Rapidamente progressivi: 0.0 %
Debolmente progressivi: 38.9 %
In situ (np): 24.8 %
Immobili: 26.3 %

Forme normali: 12.8 %
Atipie testa: 25.9 %
Atipie coda: 37.6 %
Spermatozoi amorfi: 23.7 %

Forme immature: rare
Leucociti: rari
Emazie: rari
Commento: all'esame microscopico si evidenziano numerose zone di aggregazione contenenti nemaspemi e materiale prostatico.

A causa della fluidicazione irregolare i valori relativi alla motilità e al numero di nemaspemi potrebbero essere sottostimati.

Come vi sembra?
Secondo voi con uno spermiogramma così è possibile la PMA di II livello?
Premetto che mio marito è affetto da sclerodermia e assume un farmaco (bosentan) che influisce negativamente sulla fertilità, adesso lo sospenderà per qualche mese e dovrebbe migliorare.

Il mio ginecologo ci ha consigliato una visita andrologica, come mai secondo voi?
Cosa può trovare o come può aiutare un andrologo?
Grazie.
Cordiali Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gent.ma utente

facciamo un poco di chiarezza, è evidente che se una coppia cerca un figlio e questo non arriva, è indispensabile visitare entrambe le persone per chiarire se esistono cause in grado di ridurre la loro fertilità, esiste poi la legge 40 che prevede prima di qualsiasi approccio ad una PMA la visita del maschio oltre all'esame del liquido seminale e solo nel caso non si riescano a modificare i parametri seminali si può procedere ad una tecnica PMA prima attraverso una inseminazione intrauterina e poi ad una di II livello.
Cordiali saluti
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it

[#2] dopo  
Utente 468XXX

Siamo infertili da ormai 10 anni, il primo tentativo di PMA (ICSI) è stato fatto nel 2008 (fallito).
A suo tempo mio marito aveva una conta spermatica di 110 mln/ml.
Io sono policistica e in più ho adenomiosi.
In onor del vero a mio marito non è mai stata fatta una visita andrologica, a lui è stato fatto sempre e solo lo spermiogramma.
Ora vedendo il risultato dello spermiogramma il ginecologo ci ha indirizzati verso una visita andrologica. Vorrei sapere il perché.
Cos'è quel materiale prostatico trovato nello sperma? È preoccupante?
E perché alle voci 'leucociti' ed 'ematurie' si legge il risultato 'rari'?
Chiedo scusa per le domande, non riesco a capire.
Potrebbe essere indice di tumore alla prostata?
Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
il ginecologo vi ha invitato a fare visita andrologica perché l'esame seminale è al di sotto dei parametri minimi in termini di concentrazione e motilità e quindi per capire attraverso la visita se esistono patologie o altro che possa influire sulla fertilità di suo marito.

"Materiale prostatico" non significa nulla ....pertanto è da chiedere al laboratorio.

Leucociti rari è un valore di normalità mentre ematuria significa trovare sangue nelle urine e quindi anche in questo caso il termine è improprio, trovare sangue nello sperma significherebbe ematospermia.

Non riesce a capire perché sono stati usati termini impropri che rendono poco attendibile l'esame e che consiglierebbero di ripetere in un altro centro dedicato quanto meno per paragonarlo.

Ancora cordialità
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it

[#4] dopo  
Utente 468XXX

In realtà l'esame è stato fatto nel laboratorio di un policlinico dove c'è anche un centro PMA... ma non so se il centro si appoggia al laboratorio del policlinico.

[#5] dopo  
Utente 468XXX

Aggiungo che mio marito a causa della sclerodermia assume:
- iloprost per via endovenosa
- sildenafil 20mg x 2 / die
- aspirinetta 100 mg x 1 / due

Possono questi farmaci causare tracce di sangue nello sperma?
Preciso che noi ad occhio nudo non abbiamo mai visto sangue, nemmeno oggi quando ha raccolto il liquido seminale per lo spermiogramma.

[#6] dopo  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
il fatto che sia stato fatto in quel posto o altro ha un valore relativo, le imprecisioni che le ho descritto sono un dato di fatto che andrebbero confrontate con un altro esame da ripetere in un altro centro dedicato.

Ancora cordialità
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it