Utente 545XXX
Gentilissimi,
Vi scrivo in attesa di un riscontro ecografico (previsto tra un paio di mesi) in quanto ho avuto modo di ritirare il referto dello spermiogramma di controllo, eseguito in virtù dell'intervento di scleroembolizzazione di fluoroscopia per un varicocele sx di 3 grado.
Lo spermiogramma pre intervento (gennaio 2017):

volume: 3,1 ml
ph: 7,8
assenza di coaguli
aspetto normale
fluidificazione fisiologica
viscosità fisiologica
concentrazione di spermatozoi per millimetro: 21.000.000
concentrazione di spermatozoi totali: 65.100.000

motilità totale (PR + NPR) = 60%
motilità progressiva = 20%
motilità non progressiva = 40%
immobilità = 40%

forme normali = 24%
forme anormali = 68%
forme immature = 8%

agglutinazioni assenti
leucociti 2 - 3 pcm
eritrociti 1 - 2 pcm

CONCLUSIONI: ASTENOZOOSPERMIA.

Vengo operato nel novembre 2017 (10 mesi dopo)

Svolgo lo spermiogramma di controllo 1 anno e mezzo dopo; i seguenti sono i risultati:

volume totale = 4 ml
aspetto = opalescente
viscosità normale
ph = 8,3
n. totale spermatozoi: 146,4 (10^6/eiaculato)
concentrazione di spermatozoi = 36,6 (x10^6/ml)
spermatozoi mobili = 42%
motilità progressiva = 30%
motilità non progressiva = 12%
spermatozoi normoconformati = 6%
leucociti < 1 (x10^6/ml)

NON HO TROVATO CONCLUSIONI

In attesa di un riscontro ecografico si possono trarre delle prime conclusioni dal confronto di questi due referti?
Ringrazio anticipatamente.

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

l’ultimo esame, se fatto con le indicazioni date dall’OMS nel 2010, è sostanzialmente nella norma comunque bene ora chiedere ulteriori chiarimenti al suo andrologo di fiducia.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione mirata e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com