Utente
Salve, sono un uomo di 44 anni e sto cercando un figlio con la mia compagna.
Siamo a 7 tentativi, so che non sono molti, ma l'età impone lo svolgimento di alcuni accertamenti senza aspettare troppo.
La mia compagna ha 41 anni e tutti gli esami ok.

Inoltro la presente al fine di ottenere delucidazioni sull'affidabilità degli esami di spermiogramma.
Ho avuto modo di leggere numerose Vostre considerazioni sulla mancata professionalità con cui spesso questo esame si effettua.
Qui di seguito trascrivo due referti relativi ad esami da me effettuati rispettivamente nel dicembre 2018 e nel novembre 2020.
Mi piacerebbe sapere se sono attendibili (entrambi o uno dei due).
La cosa che più mi sorprende è che nel primo è stata riscontrata assenza di spermioagglutinazione, mentre nel secondo sono state rilevate addirittura numerose zone di spermioagglutinazione.

DIC.
2018:
ASPETTO opalescente
VISCOSITÀ regolare
AGGLUTINAZIONE assente
PH 7, 30
FLUIDIFICAZIONE regolare
CONCENTRAZIONE 80000000
CONCENTRAZIONE TOT SPERM.
80000000
MOBILITÀ II ORA RETTILINEA 20%
MOBILITÀ II ORA DISCINETICA 25%
MOBILITÀ IV ORA RETTILINEA 18%
MOBILITÀ IV ORA DISCINETICA 25%
MORFOLOGIA SPERM.
TIPICI 20%
MORFOLOGIA SPERM.
ATIPICI 80%
N.
LEUCOCITI 1-2 pcv
EMAZIE assente

NOV.
2020:
ASPETTO proprio
VOLUME 1, 5 ml
VISCOSITÀ normale
FLUIDIFICAZIONE completa a 30'
PH 9, 0
N.
SPERM 48.0 x10^6/ml
N.
SPERM TOT X EIACULATO 72, 0 x10^6/ml
MOBILITÀ A 2 ORE 60%
MOBILITÀ PROGRESSIVA 40%
IMMOBILITÀ MORFOLOGIA:ATIPICI 50%
LEUCOCITI orari
EMAZIIE assenti
ELEMENTI LINEA GERMINATIVA alcuni
ZONE DI SPERMIOAGGLUTINAZIONE numerose
CELLULE DI SFALDAMENTO assenti

Nel caso gli esami (o uno dei due) non fossero attendibili potreste consigliarmi un ospedale o un centro privato dove posso effettuare un esame affidabile al 100% a Roma?
Chiedo qui perché dal mio medico curante non ho avuto informazioni utili.


Se ritenuto affidabili i due esami che ho trascritto potreste dirmi se la sopraggiunta presenza do zone di spermioagglutinazione (non so se specifica o aspecifica) posso essere un grave ostacolo per la fertilità?
In caso potreste consigliarmi, sempre a Roma un andrologo specialista in patologia della riproduzione?


Ringraziando nticipatamente per l'attenzione che vorrete darmi porgo cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Giulio Biagiotti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PERUGIA (PG)
JESI (AN)
PORTO SAN GIORGIO (FM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Buongiorno,
una analisi è affidabile nella misura in cui i valori trovati e descritti sono reali. Dai valori riportati un esperto è in grado di orientarsi per valutare se esiste la probabilità di patologie da verificare che possono interessare il sistema riproduttivo.
L'analisi dello sperma tende a verificare se esistono nell'eiaculato spermatozoi mobili possibilmente con motilità progressiva, condizione necessaria perchè possa verificarsi il concepimento. quest'ultimo avviene , in vivo, nelle tube del partner circa 5 minuti dopo l'eiaculazione in vagina, posto che sia tutto ok.
Detto questo, tenendo presente che lo spermiogramma non è un oracolo e, sopratutto, non è predittivo di fertilità, che si misura solo a figli in braccio, le zone di spermioagglutinazione , specifiche o meno, hanno ben scarsa importanza nel contesto a meno che non siano tante e correlate a un fatto flogistico importante come una prostatovescicolite che, di solito, altera anche molti altri altri parametri. Non nel suo caso.
cordialmente
Dr Giulio Biagiotti
Resp. P.M.A. Praximedica
www.andrologiaonline.net

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la sollecita risposta.
Come da Lei giustamente ricordato, lo spermiogramma non fa una previsione dell'effettiva fertilità, che tra l'altro si consegue in due.
Detto questo ritiene che i miei esami diano conto di uno sperma potenzialmente fecondante e che quindi non sia necessario un approfondimento di indagine?
Ritiene inoltre che il ph a 9 del secondo esame possa, insieme alle numerose zone di spermioagglutinazione, far pensare ad un'infiammazione (anche se non così importante come nell'esempio da Lei citato della prostatovescicolite)?