Utente 511XXX
Buongiorno.
Da circa 4 mesi ormai mi ritrovo a soffrire di problemi di cervicale. Ho sensazioni di sbandamento perenne, occhi stanchi e fastidio alle luci forti e soprattutto dolore alla zona del trapezio che si estende in basso sulla colonna, dove percepisco una sorta di formicolio e come se ci fosse qualcosa che spinge. Ho fatto visita dall otorino, visita oculistica, lastra alla colonna vertebrale ma è risultato tutto abbastanza nella norma. Mi è stato fatto un bite per il bruxismo notturno e mi sono stati prescritti dei farmaci miorilassanti ed antidolorifici (expose e feldene) che non hanno avuto alcun effetto. Ho fatto anche 5 sedute dall osteopata che non ha migliorato la situazione, anzi. Quindi ho deciso di rivolgermi ad un ortopedico che mi ha prescritto cortisone e risonanza magnetica, di cui non ho ancora i risultati. Ma la situazione non migliora e sono parecchio demoralizzata. I dolori si accentuano la sera, tanto che appena torno a casa dal lavoro mi devo sdraiare e solo stando a riposo passano, ma non sempre. Cosa può essere? Potrebbe essere colpa del bruxismo? La mia dottoressa dice che ansia che scarico sulle spalle, ma a me sembra strano visto che non passa neanche con i farmaci. Sono molto preoccupata.

Vi ringrazio per la disponibilità

[#1] dopo  
Dr. Guido Guasti

24% attività
16% attualità
12% socialità
REGGIO EMILIA (RE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2017
Buongiorno
da parecchio tempo, ormai, è noto che una errata masticazione determina ripercussioni sull'intera colonna vertebrale.
Avere indagini di primo livello negative è già un ottimo passo.
Il bruxismo, nonostante non sia un problema percepito come dovrebbe, può rappresentare la causa dei sui problemi.
Da come descrive il caso, senza poterla visitare, sembrerebbe accusare una cosiddetta S. muscolo-tensiva.
In effetti l'ansia può contribuire a peggiorare il quadro aggiungendo tensione e contrattura là dove già è tutto infiammato. Il mio consiglio (la RMN che ha programmato non aggiungerà note importanti) è di continuare con antiinfiammatori, soprattutto locali (cerotti) e/o mesoterapia mirata (meglio dei FANS), eventuale taping muscolare ed aggiungerei ansiolitici, notturni.
Comunque ne parli col suo medico curante di questi miei consigli e condividete un percorso terapeutico.
Stia tranquilla più che può.
So che non sarà facile, ma ci provi.
Mi faccia sapere, se ritiene.
Buona giornata
Dr. GUIDO GUASTI

[#2] dopo  
Utente 511XXX

Grazie infinite della risposta e del supporto.
Guardi purtroppo la mia dottoressa non mi aiuta. Quando sono andata da lei per questo tipo di problematiche mi ha liquidato con un 'prenda oki e passa' e mi ha prescritto un farmaco per le vertigini che non mi ha aiutato. Ho quindi prenotato poi per i fatti miei le visite fatte. Secondo lei sarebbe opportuno rivolgersi ad uno gnatologo? Inoltre in questi giorni sento proprio come una 'morsa' alla bocca, come se ci fosse una calamita che mi fa tenere i denti serrati, cosa che di giorno non era mai successa. Potrebbe essere l ansia oppure qualcosa di 'meccanico' che non funziona?

[#3] dopo  
Dr. Guido Guasti

24% attività
16% attualità
12% socialità
REGGIO EMILIA (RE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2017
Guardi, prima di fare ulteriori passi dispersivi io mi orienterei su una cosa alla volta.
Mi spiego meglio:
intanto le consiglio di prendere un ansiolitico prima di coricarsi e comincerei a sentire un dentista (loro sanno, in caso di bruxismo, valutarne la gravità e l'eventuale necessità di indossare o meno un bite).
Io credo che già così potrebbe avere una parte delle risposte che sta cercando.
Poi se la contrattura collo-schiena dovesse permanere fastidiosa, allora sentire il parere di uno specialista.
Non metta tutto insieme, anche se i sintomi derivanti riguardano più distretti diversi.
Mi faccia sapere
La saluto
Dr. GUIDO GUASTI

[#4] dopo  
Utente 511XXX

Grazie mille, ne parlerò con il mio medico allora.
Grazie ancora della disponibilità.

[#5] dopo  
Utente 511XXX

Buongiorno dottore.
Volevo informarla per quanto riguarda l esito della risonanza magnetica.

Vertebre dorsali allineate e morfologicamente conservate, senza significative immagini di erniazione discosomstiche.
Da segnalare al transito dorsolombare la presenza di un iniziale protusione discale, poco più evidente sul lato destro.
In particolare non compressioni midollari.
In sede cervicale rettificazione della lordosi, con iniziale grado di protusione discosomatica c4 c5. Non impronte midollari. Midollo conservato in tutto il suo segmento. Negli spazi anatomici i restanti dischi intersomatoci.

Può aiutarmi ad interpretare? Ovviamente ho già preso appuntamento sia con la mia dottoressa che con un ortopedico. Volevo solo capire se tutto ciò giustifica i miei sintomi e se ne può essere la causa.

[#6] dopo  
Dr. Guido Guasti

24% attività
16% attualità
12% socialità
REGGIO EMILIA (RE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2017
Buongiorno
la RMN tutto sommato non dice granché.
La colonna vertebrale, nei punti in cui si curva (cervicale e lombare) tende ad avere curve poco accentuate e tendenzialmente rettilineizzate.
Il fatto che i dischi interverterbali tendano a protrudere (spostarsi in avanti), senza dare problemi al midollo, è una conseguenza di questa alterata curvatura.
Temo che non abbiamo fatto passi avanti.
Senta comunque il suo medico e l'ortopedico per una eventuale terapia che riduca la sua sofferenza.
Sempre a sua disposizione
Dr. GUIDO GUASTI