Utente 245XXX
Buonasera dottori,
Volevo porre un quesito in merito ad una situazione che ci preoccupa da un po di tempo. Mio cognato, di 27 anni, a settembre 2016 ha avuto uno svenimento, mentre era in moto, con i seguenti sintomi: fortissimo formicolio ad entrambe le mani e al braccio sinistro, in particolare sotto l'ascella. Fortunatamente è riuscito ad accostare prima di svenire del tutto. Trasportato in ospedale, il dottore ha riscontrato un indebolimento fisico generale, dopo una sequenza di domande e movimenti (come il sollevamento delle braccia da una posizione supina, che "senza controllo" cedevano di poco verso il basso). Per il resto, elettrocardiogramma ed ecocardiogramma erano nella norma, cosi come gli esami del sangue. Dopo ore al pronto soccorso quindi, siamo usciti con poco o niente per le mani.
Oggi, a distanza di 8 mesi, è successo di nuovo. Non era in moto, ma fermo in piedi in ufficio. Non aveva appena mangiato e non stava facendo lavori pesanti. È iniziato tutto di nuovo dal formicolio forte alle mani (da non sentirsele più) e sotto l'ascella. Per fortuna trovandosi in bagno ha evitato lo svenimento bagnandosi per bene la faccia.
Ora, sabato ha un appuntamento con un cardiologo, mentre aspettiamo di avere conferma per fare un esame con liquido di contrasto per evidenziare possibili problemi cardiaci. Vi chiedo quindi, se con i sintomi elencati, un esperto tra voi mi saprebbe dare un'ipotesi su quello che sta succedendo ad un ragazzo che è sempre stato in ottima salute.

Grazie mille!!! E buona serata!
Elisabetta

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
8% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Guardi è importante innanzitutto capire se di vero svenimento si è trattato... Suo cognato ha perso completamente conoscenza? Una sincope franca stando in moto è poco probabile che sia dovuta a una banale risposta funzionale di tipo vasovagale (un meccanismo riflesso uguale a quello che fa svenire chi ha paura della vista del sangue)....
Così non è possibile esprimersi sulle potenziali cause. Faccia prima la stratificazione cardiologica che le viene consigliata e poi ci farà sapere i risultati. Sarà più facile per noi esserle di aiuto in questo modo.
Cordialità
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#2] dopo  
Utente 245XXX

Buongiorno dottor Rillo,
Si confermo che la prima volta ha proprio perso conoscenza, fortunatamente dopo essersi accostato e aver tolto il casco. È stato soccorso e portato al pronto soccorso. Appena abbiamo i risultati del prossimo esame glieli comunico subito!!
Grazie mille per la risposta! Buona giornata!
Elisabetta

[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
8% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Non c'è di che. Mi faccia sapere.
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica