Utente 462XXX
Salve dottori.
Premetto che sono un tipo ansioso e soffro di attacchi d'ansia, e talvolta di panico, da circa 2 anni con una tendenza sempre maggiore ad essere ipocondriaco.
Settimana scorsa, nella notte, a seguito di un incubo mi sveglio di soprassalto con una fibrillazione atriale. Mi reco al pronto soccorso e mi ricoverano. La FA rientra totalmente da sola, senza aiuto di farmaci. Decido di rimanere in ricovero per fare tutti gli esami di routine tra cui l'holter.
Fatti tutti gli esami, mi dicono che il mio cuore é in perfetta salute (avevo anche fatto una settima prima questo evento una visita dal cardiologo in quanto avevo spesso dolori al petto che sono risultati semplici dolori intercostali) ma, lamentandomi dopo i pasti dei soliti dolori nella zona toracica ed essendo un po' scettica la dottoressa che sia stato solo un attacco d'ansia, mi consiglia di fare una gastroscopia. Da quest'ultima che ho un'esofagite, e di conseguenza spiega un po' meglio tutto ciò che ho avuto.
Ciò mi aveva tranquillizzato, in quanto sono terrorizzato da infarti e malattia cardiache, e mi hanno riferito che è davvero un caso raro che alla mia età (22) e alle mie condizioni (solo sovrappeso) possa avere un infarto.
Solo che, facendo altre ricerche, ho letto che lo stress può essere causa di infarto.
In ospedale ho omesso (pensando in quel momento che non fosse importante) che ho problemi con la mia ragazza (più che problemi si è creata una situazione strana) ed essendo molto emotivo (e tenendoci tantissimo a lei) ciò mi crea un gran disagio e malessere.
Scusatemi se sono stato prolisso, ora vengo al dunque: può, questa mia situazione sentimentale, con questo mio "quadro clinico", causarmi problemi cardiaci? Posso rischiare di confondere i sintomi dell'esofagite con quelli di un infarto e non riuscire ad accorgermene in tempo?

P.s. dalle analisi l'unica cosa che risulta alterata sono i globuli bianchi che sono più di quanto dovrebbero essere.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Un infarto non viene a 20 anni.
Lo stress può facilitare la comparsa di aritmie.
Programmi un Holter ed un ecocolrdoppler cardiaco

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 462XXX

La ringrazio per la risposta.
Purtroppo non riesco a fare a meno di ricercare su internet ogni minima cosa, e mi é capitato di leggere che questo mio stato emotivo può causare infarti.
In più ogni tanto, come questa mattina, ho questi sintomi simil-infarto che aumentano le mie preoccupazioni.
Ringrazio nuovamente per la risposta.