Utente cancellato
Buongiorno

Vi chiedo un aiuto per un problema che sta condizionando enormemente la qualità della vita.

Da circa un anno e mezzo, in ogni posizione e situazione e ora della giornata, avverto occasionalmente, diciamo una volta ogni due settimane o più, un improvviso giramento di testa, dove mi sento svenire. Non mi sembrano proprio vertigini, nel senso non mi sento girare, ma mi sento proprio come se stessi per svenire, come un fortissimo calo di pressione (che ho abbastanza bassa, ma non così tanto). Come viene così va via in circa dieci venti secondi. Durante questi episodi ho tachicardia e paura.

Ho fatto analisi del sangue e vanno bene, rm encefalo e va bene, ecg e ecg holter ed ecocardiogramma e vanno bene.
Mi sapreste dire per cortesia cosa pensate e quale versante voi indaghereste, cardiologico o no?

Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Se l'holter, durante i sintomi, non avesse dimostrato alcuna aritmia mi pare che la causa cardiologica possa essere esclusa

Eventualmente puo' programmare un Holter pressorio (ABPM) in modo da valutare anche i valori di pressione oltre che di frequenza durante tali episodi

Cordialita'

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
468617

dal 2017
Grazie per la risposta!

Non ho avuto episodi durante la registrazione però...

Farò quello che mi ha detto? Successivamente quali altri, specialisti consulterebbe?

Grazie

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Prima di escludere cause aritmiche occorre che tali episodi vengano "colti" con l' holter attaccato : quindi programmi magari un Holter delle 48 ore.

Un'altra cosa che potrebbe fare il suo cardiologo e' regsitrare l' ECG durante le prove di stimolazione vagale, per valutare eventuali riduzioni significative della frequenza.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza