Utente 452XXX
Buongiorno, ho scritto su questo sito già un pò di tempo fa per la mia paura insensata di avere la sindrome di Brugada. Siccome le diagnosi non si fanno in internet qualche giorno fa ho deciso di recarmi da un'aritmologa per un ecg. Dopo la descrizione dei sintomi vari le ho chiesto se potesse farmi una registrazione al secondo spazio intercostale. Ne sono state effettuate due: una al terzo spazio ed una al secondo come avevo richiesto (molto gentile da parte sua) da cui non è emerso alcun sospetto. Tuttavia lei ha detto:"molto difficile che da un tracciato simile si possa slatentizzare un tipo uno". Ciò che ha affermato mi ha un pò destabilizzato. Cioè, è possibile che nonostante non emerga alcun sospetto con lo spostamento degli elettrodi al secondo e al terzo spazio si possa slatentizzare qualcosa sotto farmaco? E poi vorrei aggiungere: al momento della visita ero a digiuno da circa sei ore, pensate sarebbe stato preferibile essere a stomaco pieno in modo tale da rendere più facile individuare problemi? Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
8% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Guardi, non c'è alcuna razionalità nelle sue paure. E' vero quel che dice la collega, ma questo non giustifica la sua "destabilizzazione" psichica....
Perchè avere paura del Brugada che non ha e non di una neoplasia o di una epatopatia o di una malattia infettiva non curabile ??? Tutte cose che possono accadere, ma se ci lasciamo prendere dalla paura delle malattie non viviamo più....tutto può succedere, anche che le cada una tegola sulla testa camminando per strada, ma non per questo lei deve rimanere recluso in casa per paura che possa accadere...
Ci pensi e se non riesce a superare da solo le sue paure deve rivolgersi a un bravo psicoterapeuta.
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#2] dopo  
Utente 452XXX

Certo, tutto può accadere. Comunque il termine "destabilizzato" aveva una valenza molto più leggera ovviamente: in realtà intendevo dire che ci sono rimasto un pò spiazzato perché pensavo che senza nemmeno il sospetto (con tanto di spostamento di elettrodi al secondo e al terzo spazio) non fosse possibile alcuna slatentizzazione nemmeno sotto farmaco e dunque che non fosse possibile avere la sindrome. Questo è il motivo dell'uso di questo termine. E per concludere, mi scusi ancora se la importuno, volevo chiederle se avessi fatto meglio a presentarmi a stomaco pieno.

[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
8% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Assolutamente.... non c e' alcuna correlazione.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#4] dopo  
Utente 452XXX

Ok, dunque a fronte di tutto ciò ritiene io possa stare tranquillo e smettere di pensare a questa sindrome?

[#5] dopo  
Utente 452XXX

Ah e un'altra cosa: il suo "assolutamente" era riferito all'impossibilità di avere la sindrome data la registrazione con elettrodi spostati che non ha dato nemmeno un sospetto o ad altro? Questo è l'ultima domanda, prometto e mi scusi se sono insistente