Utente 495XXX
Buongiorno..sono un ragazzo di 26 anni e vi scrivo in merito a quanto mi è successo.. all inzio di gennaio cominciai ad accusare male a un dente, così mi recai a fare una panoramica per capire cosa fosse e mi trovarono un infezione..cominciai così la cura antibiotica con augumentin. Ma tempo una decina di giorni diventai gonfio tra guancia e gola e con problemi respiratori.. l’infezione non aveva regredito..così corsi al PS. Non ricordo molto su quella sera.. so solo che mi svegliai 20 giorni dopo attaccato a una macchina per l ossigeno 14 drenaggi una tracheotomia e un taglio da orecchio a orecchio.. in sostanza ebbi una brutta infezione che mi causò una fascite necrotizzante, shock settico e pericardite tutto merito dello (streptococco angynous, se così si scrive) fatto sta che mi è andata bene a quanto pare.. non avevo molti santi dalla mia parte da quanto ne sapevo.. fortunatamente è andato tutto bene..il mio problema ora è il cuore.. non capisco se è davvero ok come dicono o no..sto prendendo 3 aspirine al giorno per 4 settimane poi andrò a scalare 2 aspirine per 1 settimana poi una aspirina per una settimana e stop. Cosa che per ora ho sospeso per una faringite e sto prendendo un altro anti infiammatorio il niflam.. per di più prendo il metoprololo 100g da inizio incidente, farmaco che ora sto andando a scalare..da una al giorno sono arrivato a mezza mattina e mezza sera e ora mezza mattina e un quarto alla sera.. però vedo che i miei battiti sono aumentati cosa normale suppongo.. la mia domanda è, è normale passare dai 59-60 a riposo ai 100-120 come mi alzo e cammino per casa? A volte addirittura rimangono troppo bassi pure sotto sforzo.. faticano proprio a salire.. Ecg nella norma aldilà del fatto che si vede la pericardite, olter dicono che sia ok a parte una quantità minimale di versamento che non causa fastidi.. ps. Sono super ansioso.. tipo da misurarmi tutto il giorno i battiti.. credo mi serva aiuto.. ma sono dell idea che non serva andare dallo psicologo.. secondo me non aiuta, non credo a queste cose.. cordiali saluti e grazie in anticipo!

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Il batterio in questione causa raramente infezioni cosi gravi come lei descrive.
tuttavia la terapia antibiotica e, come in questo caso chirurgica, risolvono 8 problemi.
Per cio che riguarda la terapia noto che anziche il Brufen le è stata importata la terapia con aspirina ( anche se non specifica il dosaggio) e beta bloccanti.
Ovviamente durante lo svezzamento dal beta bloccante la tachicardia è prevedibile ed occorreranno settimane affinche il suo cuore si abitui alla sospensione di tale farmaco

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 495XXX

Grazie della risposta! Visto che ci sono vorrei chiederle anche, la pericardite potrebbe ripresentarsi nel tempo? Comunque l aspirina e da 500 mg.. e dato che l ho sospesa per assumere il NIFLAM, farmaco che ho finito di prendere sta mattina dato che era l ultima che dovevo prendere per la cura, mi chiedevo se già da stasera potevo ricominciare a prendere l aspirina senza problemi.. grazie mille!

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
di solito sono,le pericarditi virali a recidivare, lei a quanto scrive avrebbe avuto una pericardite batterica e quindi con la terapia antibiotica dovrebbe essersi risolta definitivamente.
Riprenda pure l aspirina

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 495XXX

Grazie mille dottore! È stato molto gentile! Cordiali saluti.

[#5] dopo  
Utente 495XXX

Ah mi scusi un ultima cosa.. a quanto pare ho un piccolo scollamento del pericardio.. cosa comporta? E grave? Si cura?

[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
È ovvio che c’è l abbia dato che ha una pericardite

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#7] dopo  
Utente 495XXX

Non ho messo in dubbio di averlo infatti.. ho chiesto solo cosa comporta, se è grave e se si cura.. Grazie.

[#8] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
non comporta alcunche, non è grave e glielo stanno curando a quanto pare con aspirina.

arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza