Utente 492XXX
Dottori buongiorno,

da qualche giorno provo una sensazione che mi preoccupa e genera parecchio fastidio.

Quando mi metto a dormire - purtroppo riesco a prendere sonno soltanto a pancia in giù - mi sta capitando praticamente tutte le sere di sentire l'aorta addominale che pulsa: tre, quattro, cinque battiti al massimo, forti ma regolari (e sincroni con il polso). Poi torna a non farsi sentire, e così via a cicli, che hanno intervalli di qualche minuto l'uno dall'altro. Il battito è in un punto preciso, diciamo a metà strada tra la punta dello sterno e l'ombelico. Addormentarsi, con questa sensazione così frequente, che è legata unicamente a questa posizione, è diventato davvero difficile.

Di giorno, durante l'attività fisica (una lunga camminata, per esempio), sento, in quello stesso punto, una sensazione di fastidio non pulsante, ma fissa, che si accompagna a un senso di costrizione/indolenzimento delle costole inferiori, nella parte più laterale e bassa della gabbia toracica per intenderci.

Cosa aggiungere? Che ormai da molte settimane ho delle fitte intercostali migranti per il torace, per lo più localizzate nella metà di sinistra, spesso al di sopra del cuore. Ieri sera, mentre ero a cena fuori, ne ho avute due molto forti in sequenza, come fossero delle scosse, proprio sopra quell'organo così spaventoso e delicato. È stato doloroso, devo confessare che mi hanno spaventato molto e che ho avuto una rapida e visibile sudorazione dopo quella brutta sensazione.

La prima volta che avevo scritto su questo sito, riportando peraltro i principali risultati delle analisi cui mi sono sottoposto di recente, è stato in quest'occasione:

https://www.medicitalia.it/consulti/cardiologia/625816-tachicardia-strascichi-ormai-insopportabili.html

Speravo fossero tutte costruzioni della mente e dell'ansia, speravo che tutto regredisse spontaneamente e in breve tempo, ma è chiaro che l'andamento è quello opposto: il quadro dei sintomi diurni al torace, cui si sono aggiunti quelli all'addome e un'insonnia cronica e frustrante, va via via peggiorando.

Mi sento abbattuto, smarrito e preoccupato. E per questo vi chiedo: cosa fareste se foste nella mia situazione? Ci sono delle analisi cui vi sottoporreste? Sareste preoccupati da questi sintomi?

Grazie per il consulto: sarà prezioso raccogliere i vostri suggerimenti.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
le pulsazioni dell aorta addominale sono normali nei giovani magri come lei.
se ne faccia una ragione

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza