Utente
Buonasera sono un ragazzo di 34 anni, a fine Maggio ho avuto un episodio di febbre alta e mal di gola, la settimana successiva (08/06/2018)a questo evento ho incominciato ad avere un fadtidio alla spalla sinistra, preoccupato vado al pronto soccorso e dai prelievi ematici vi è un alterazione della troponina a 15 ng, oltre che dalle radiografie toraciche una polmonite sinistra. Vengo ricoverato presso l' UTIC e mi viene eaeguita una coronografia che mostra vasi indenni, dagli esami batteriologici/Virali non risultano agenti infettivi tranne una lieve presenza di rickettsia conorii che viene collocata in Grey zone, il picco di troponina dopo due giorni dal ricovero si è attestato a 87 ng per poi calare, la frazione di eiezione che nel giorno del ricovero era intorno a 50% all' atto della dimissione dopo 10 giorni e tornata normale, come anche i valori stabilizzati. A settembre 2018 una tosse persistente mi riporta al pronto soccorso dove mi viene eaeguita una Tac con e senza mezzo di contrasto che evidenzia ai polmoni una BOOP con un rischio di embolia, e un elevazione significativa alle analisi del Didimero, dimesso seguo cure indicate dal pneumologo (antibiotici, clexane) e a un mese di distanza effettuo tac di controllo negativa. Dal mio primo ricovero continuo ad avere uno stato di malessere al pettorale/spalla sinistra come un oppresione che si irradia al collo fino alla mandibola, ho effetuato una visita cardiologica (ecg, ecg sotto sforzo, ecografia cardiaca) che non ha evidenziato problemi particolari tranne un extrasistole nel picco iniziale di sforzo al ecg sotto carico, ad oggi anche effetuare passeggiate in salite mi provoca dispnea, vorrei un consiglio su come poter approfondire la mia situazione e quali esami possono aiutarmi a capire la natura del mio malessere, attualmente il cardiologo mi ha detto di prendere solamente una pasticca al giorno di congescor da 1, 25. Per quanto sopra descritto vi ringrazio in anticipo per l' attenzione per la mia situazione che e davvero angosciosa per me, grazie ancora.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non so cosa sia una BOOP...
La cosa piu intelligente da fare è una RM cardiaca per valutare gli esiti di una eventuale miocardite .
Ha eseguito una scintigrafja polmonare ?

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno dottorela ringrazio per la celere risposta, ho dmenticato di dirle che quando sono stato ricoverato ho effetuato una RM cardiaca dinseguito il referto: "14/06/2018edema parietale del ventricolo sinistro specie a livello della parete laterale ove presenta distribuzione prevalentemente in sede subepicardica. Diffuso incremento dei valori di intensità del miocardio del ventricolo sinistro . la sequenza tardiva dopo contrasto ha evidenziato Late- enhancement a livello della parete inferiore del VS in sede medio- apicale, con risparmio della regione sub-endocardica. A distanza di 2 mesi e mezzo ho ripetuto l' esame questabe stata la risposta: 23/08/2018, al controllo attuale il cuore ha lresentato regolare cinesi globale e settoriale . Valori di FE e GS sostanzialmente immodificati rispetto al precedente esame . Non più aprezzabile la reazione edemigena a carico delle pareti del ventricolo sinistro. Sostanzialmente immodificato il Late-Enhanacement della parete del ventricolo sinistro specie in sede laterale inferiore medio apicale con risparmio della porzione sub-endocardica. Non versamento pericardico. Per quanto riguarda la Boop rilevata alla Tac del 04/09/2018 si tratta di una bronchiolite obliterante con polmonite organizzativa. Ad oggi non ho effetuato una scintigrafia polmonare, mi consiglia di fare questo esame? Grazie ancora per l' infinita disponibilità.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Dato il rilievo di elevati valori di D dimero saerbbe consigliabile.
La RM cardiaca che ha eseguito di controllo pare del tutto tranquillizzante

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Grazie dottore, eseguiro al più presto l' esame, le auguro a lei e tutto lo staff un sereno 2019.

[#5] dopo  
Utente
Buonasera Dottore, sono stato dal pneumologo e mi ha consigliato di eseguire una spirometria, che e risultata più che positiva "spirometria a riposo nella norma. volumi statici nella norma, normale la diffusione alvelo capillare dell' ossido di carbonio". Ho spiegato al pneumologo che ho questa opressione toracica costante e continua nel arcondi tutta la giornata che mi causa un dolore nella regione pettorale sinistra irradiandosi alla spalla sinistra e al collo lato sinistro, potrebbe essere una forma di Angina anche se il sensondi opressione e perennemente presente anche senza sforzi fisici? Grazie ancora per la sua disponibilità.

[#6]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Già il fatto che duri l arco di una giornata esclude l angina

La saluto

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#7] dopo  
Utente
Buonasera dottore, a distanza di tempo il dolore toracico persiste, quindi o deciso di effetuare una RMN cardiaca, e degli esami ematici che a breve faro al fine di fare una nuova valutazione cardiologica. Volevo chiedele, anche se non è nota ancora la causa della mia opressione toracica che e costante per tutto l' arco della giornata e mi crea in inspirazione un dolore toracico, potrei effetuare una cura antinfiammatoria ( cortisone, ibubrofene) per alleviare questo fastidio, non riesco davvero a spiegarmi da cosa possa dipendere, sia gli ecg fatti che l' ecocolordoppler cardiaco non hanno dato informazioni utili a capire la natura di questo dolore che è davvero costante e pungente, grazie davvero dottore per il tempo dedicato.

[#8]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Tipicamente dolori NON cardiaci, ma di natura nevritica.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#9] dopo  
Utente
Potrei effettuare una terapia antinifiammatoria ? Usando magari deltacortene, anche per valutare se i dolori magari sotto terapia cambiano, grazie dottore ancora per la sua pazienza

[#10]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
ma si figuri se io possa prescriverle una terapia per via telenmatica, specie cortisonica

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#11] dopo  
Utente
Grazie dottore per i consigli saranno magari uno spunto di argomento in sede di visita

[#12] dopo  
Utente
Buonasera dottore, le volevo chiedere un ultima informazione, il mio cardiologo in base alla mia situazione mi ha detto di prendere una compressa al giorno di congescor da 1,25, fino al prossimo controllo tra qualche mese,il mio dubbio e sulla effettiva utilità per la mia situazione di assumere questo farmaco a questo dosaggio che è davvero basso e un altro dubbio se il mio medico di base mi dovesse prescrivere qualche antidolorifico può creare problemi se lo assumo con il congescor, grazie ancora per la sua infinita pazienza.

[#13]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non vedo perche' prescriverle un beta bloccante seppur a basso dosaggio.
Puo assumere antiinfiammatori senza problemi , con o senza beta bloccante

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#14] dopo  
Utente
Grazie dottore, non ho mai capito neanche io perché il Cardiologo che mi ha visitato alla luce del fatto che l' ecg era normale e l' ecocardiocolordoppler nella norma, mi ha consigliato di prendere il congescor, anche la mia pressione e perfetta, grazie dottore per il supporto medico e anche psicologico che offre' a tanta gente, le sono grato.

[#15] dopo  
Utente
Buonasera dottore, volendo approfondire la causa del mio dolore toracico ormai persistente da vari mesi mi sono recato dal medico di base e mi ha detto che per verificare se e necessario fare altre visite, per capire magari la diversa natura del problema deve essere il cardiologo a valutare la mia situazione e a indicarmi strade alternative. A questo punto ho prenotato una RMN al cuore e una visita al Policlinico Gemelli. Volevo chiederle un consiglio al fine di portare tutto quello che occorre al cardiologo per una valutazione completa. Che eaami del sangue portare a visita? Una radiografia al torace può essere utile?. E utile fare un ecocardiocolorsoppler ho la risonanza può bastare?. Grazie per il suo aiuto e buonaserata.

[#16]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Ma ha già fatto la RM cardiaca a Giugno!
E poi chieda dove va a farsi visitare se richiedono qualche esame...
Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#17] dopo  
Utente
Sono consapevole di averla fatta a Giugno ma il mio medico curante mi ha detto di effettuala nuovamente e farmi una visita cardiologica che per escludere al 100% che la natura di quella opressione toracica possa dipendere da un eventuale pericardite, prima di andare a visita magari mi domandavo quali potevano essere degli esami che potevano tornare utili. Purtroppo mi sento davvero confuso perché questo dolore toracico è davvero opprimente sia di notte che di giorno e voglio cercare di venirne a capo anche se so che alle volte si incorre nel rischio di fare esami che poi si rivelano superflui.

[#18]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
L’amore RM non è certo l’ esame di scelta per la diagnosi di pericardite . Basta una ecografia .

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#19] dopo  
Utente
Buonasera egregio Dottore, ho eseguito la RM cardiaca e l’ ecocardiogramma color doppler che mi ha consigliato di eseguire il mio medico di base al fine di capire quale possa essere l'origine del oppressione toracica che le avevo descritto alcuni giorni fa e volevo esporle alla sua attenzione i referti per un suo parere.

RM IN DATA 12/02/2019:

REPERTI MORFOLOGICI FUNZIONALI
Ventricolo sinistro di normale morfologia e di dimensioni ai limiti superiori della norma (DTD max 5,6 cm).
Spessore miocardico regolare (SIVmax mm10).
Volumi sisto-diastolici nella norma con funzione sistolica globale conservata (FE 64%).
Non evidenti aree di imbibizione edematosa alle sequenze TIRM pre-contrasto.
Dopo infusione di mdc ev si osserva in fase tardiva banda di late enhancement (LGE) meso-subepicardico a distribuzione pressoché circonferenziale prevalente lungo i segmenti medio-basali.
Nella norma la cinetica globale e segmentaria del ventricolo destro in assenza di significative alterazioni dello spessore parietale e /o aree di incremento patologico del segnale miocardico in fase contrasto grafica tardiva,
Camere atriali di normali dimensioni.
Minimo jet da rigurgito mitralico e tricuspidale.
Aorta ascendente di calibro nei limiti (26mm).
Scollamento dei foglietti pericardici prevalente lungo le sezioni di destra senza evidenza di versamento pericardico consensuale.
Non versamenti pleurici.
CONCLUSIONI:
Ventricolo sinistro normoconformato e normocinetico con estesa banda di enhancement meso-subepicardico tardivo (LGE) di significato fibrotico non ischemico.

ECOCARDIOGRAMMA COLORDOPPLER IN DATA 14/02/2019:

Ventricolo sinistro con normali volumi e massa. Funzione sisto-diastolica nella norma. Cinesi segmentaria conservata (FE 60-65%) Non difetti della valvola mitralica,tricuspidia ed aortica. Bulbo tratto esplorabile dell’ aorta ascendente nei limiti. Insufficienza tricuspidaria lieve, non campionabile il gradiente ventricolo destro atrio destro. VCI di normali dimensioni e collabimento. Ventricolo destro con dimensioni nei limiti e normale funzione sistolica globale. Iperecoriflettenza del pericardio lungo i segmenti posteriore e inferiore del ventricolo sinistro ove si osserva in sede apicale presenza di scollamento.

Ho eseguito anche gli esami ematici (Troponina , pcr....) tutti risultati nella norma tranne che per la mioglobina 21 unità di riferimento 28-72.

La ringrazio immensamente per il tempo che vorrà dedicarmi, cordialmente Andrea F.

[#20]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Nin ha niente.
Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#21] dopo  
Utente
Buonasera Dottore, al fine di valutare tutti gli esami da me effetuati (RMN, ecocardiocolorsoppler) ho effetuato alcuni giorni fa una visita cardiologica di seguito il sunto. PA 120/75 mmHg; E.O.C. : azione cardiaca ritmica frequenza di 60 bpm, non reperti stetoacustici patologici; EOT: non rumori secchi ne' umidi. ECG: ritmo simusale lievemente a frequenza di 65 bpm, asse elettrico tendente a sinistra. PQ ai limiti alti della norma. Lieve turba della conduzione intraventricolare destra. Segni di sovraccarico vetricolare sinistro. Non significative anomalie del recupero ventricolare. Ho riferito al dottore che minha visitato la costante opressione/dolore toracico che come le ho descritto nei post precedenti non mi da pace oramai da quasi un anno, il dottore in estrema ipotesi mi ha detto che potrebbe anche essere dovuto a questo scollamento pericardico che in fase inspiratoria si acuisce, a tal proposito volevo chiederle se a prescindere dalla natura del problema possa essere utile una visita di terapia del dolore al fine di avere una terapia che mi aiuti a stare meglio, poiché avendo utilizzato antinfiammatori come brufen, aspirina e tachipirina non rieasco ad avere sollievo, grazie ancora dottore per la sua umanità e pazienza di questi mesi.

[#22]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Io ritengo che lei abbia bisogno di altre cure, non cardiologiche
Con questo la saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza