Utente 213XXX
Salve, a mio marito è stata diagnosticata un'ipertrofia ventricolare sx di cui non si conosce ancora la causa. Vorrei se possibile, un parere sul referto seguito alla risonanza cardiaca con contrasto.

Volume ventricolare sinistro normale con contrattilità globale e segmentaria conservate.
Massa ventricolare sx normale aumentata. Aumento dello spessore del SIV anteriore basale max spessore 20mm, setto posteriore 17 mm in toto.
Volume ventricolare dx normale, contrattilità globale conservata.
Normale ed uniformemente distribuito il tessuto adiposo epimiocardico biventricolare.
Nelle sequenze tardive IR-GRE TI pesate dopo somministrazione di gadolinio-chelati si evidenziano sfumature aree di LE a livello della parete laterale basale.

Mio marito ha 39 anni, fa una vita sana, va in palestra, ma non fa body building, ed ultimamente è stato ricoverato in ospedale per la pressione alta.
Grazie per la Vs risposta

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
E' probabile che sia la ipertensione che l' attivita' di palestra abbiano indotto una ipertrofia ventricolare sinistra.
Il referto RM non pare deporre per una miocardiopatia ipertrofica.
Occorre valutare dopo qualche mese di detraining lo spessore del ventricolo sinistro, anche ecograficamente.
Per cio' che riguarda i valori rpessori e' importante che questi vengano manrtenuti al di sotto di 130/80 mmHg.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 213XXX

Grazie mille per la Sua celere risposta,dottore. Arrivederci

[#3] dopo  
Utente 213XXX

Buongiorno dottore, scrivo nuovamente perché nel frattempo mio marito è tornato in ospedale per lo studio delle cause della sua ipertensione perché, nonostante i medicinali, la pressione fatica a scendere.
Il dottore di medicina generale che lo ha in cura, attaverso un ECG e la RM il cui referto ho scritto nel mio messaggio originario, ha parlato di cardiomiopatia ipertrofica, asserendo che in caso di un valore SIV di 20 mm si parla già di cardiomiopatia.
Ora io vorrei sapere se è davvero così, perché la cardiologa che ha prescritto la RM lo ha fatto proprio per escludere la presenza di cardiomiopatia, visto che con l'ecodoppler aveva notato questa ipertrofia, tuttavia nel referto non ha poi confermato questo sospetto.
Cosa cambia per mio marito se si tratta di cardiomiopatia invece che ipertrofia? Ci sono rischi? Lei cosa consiglia di fare per essere certi di avere un risultato chiaro? Stiamo sentendo così tanti pareri discordanti e non sappiamo cosa fare. Grazie mille