Utente 390XXX
Buongiorno, scrivo per un chiarimento riguardante il dolore che provo da due giorni: premesso che ho un'alimentazione totalmente errata, stracolma di grassi e carboidrati, molta carne, praticamente mai cibi salutari quali frutta e verdura, quasi esclusivamente bibite gassate (quasi mai acqua). Sabato per circa mezzora ho avuto dei crampi allo stomaco, non forti, presenti ma non molto fastidiosi. L'indomani ho avvertito un senso di nausea e dolori indefiniti zona addome per un paio d'ore per poi modificarsi in un dolore continuo, fisso, esattamente a destra, al centro tra l'addome e il fianco, proprio sotto l'ultima costola. Come detto non è un dolore intermittente, non sono fitte, è un dolore continuo, fisso che ho costantemente da quando è cominciato. Aumenta quando mi sposto di posizione da sdraiato, quando tossisco, quando mi sollevo come se volessi fare addominali, quando mi sforzo per andare di corpo. Sembrerebbe, da quest'ultima descrizione potrebbe trattarsi di un dolore osseo muscolare, ma data la modalità di insorgenza con i sintomi precedenti e il fatto che non sarebbe giustificato da nessuno sforzo o altro che possa aver causato problemi muscolari, non capisco di cosa si tratta. Sembrerebbe come se avessi qualcosa che comprime in quel punto e che provoca dolore. Il dolore non è forte, tutt'altro. Tuttavia, la mia natura ipocondriaca mi fa pensare spesso a cose brutte. Potrebbe trattarti di colon irritato? Dovrei approfondire in qualche modo? Grazie mille. Buona giornata.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Potrebbe trattarsi di meteorismo come pure di problemi alle vie biliari.
1) modifichi la sua alimentazione con cibi sani e abbondante uso di frutta e verdura
2) faccia una visita gastroenterologica per comprendere la cause del disturbo.
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia