Utente 160XXX
Salve ho 30 anni.

Vi ringrazio per la vostra disponibilità e professionalità che quotidianamente offrite a l sito e quindi a noi utenti.


il giorno 24 dicembre ad ora di pranzo con un semplice coltello da cucina mi sono procurato un taglio al secondo dito della mano sinistra.

L altezza del taglio parte dall ultima piega del polpastrello e sale in orizzontale verso l unghia.

Il taglio era mediamente profondo e al PS e stata fatta una si tira con 3 punti.


La mia preoccupazione consta nel aver perso la sensibilità al tatto e al freddo o caldo di metà polpastrello.

Metà polpastrello (lato opposto alla ferita) ho la sensibilità anche se diversa dalle altre dita ma l altra meta non la sento nemmeno sotto l acqua bollente.



Vorrei sapere se posso ancora aspettare o devo rivolgermi urgentemente ad un chirurgo della mano dato il periodo natalizio e molto difficile reperire qualcuno.



Vorrei sapere se la sensibilità tornerà normale

E vorrei sapere se nella peggiore delle ipotesi con un intervento di microchirurgia possa tornare tutto alla normalità.
E i tempi di astinenza dal lavoro.



Vi ri grazio ancora per il servizio offerto e vi anticipo gli auguri di un nuovo anno.

[#1]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

non c'è alcuna urgenza.

Potrebbe essere stato reciso il nervo collaterale nelle sua porzione più distale, ma una eventuale ricostruzione (se dovesse essere necessaria) in quella sede è molto complessa.

Dopo le feste, si faccia visitare da un chirurgo della mano, non da un normale ortopedico.

Buon Anno.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#2] dopo  
Utente 160XXX

Dottore grazie per la risposta. Come mai complicato? Mi scusi complessa vuol dire che non riuscirò ad acquistare più la sensibilità? O che almeno sarà complicatissimo. È davvero una brutta sensazione quella di non sentire metà polpastrello.
Non c è la possibilità di guarigione spontanea?

[#3]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Complicato perchè in quel punto (se ho capito bene), non c'è più un nervo inteso come tronco nervoso, ma le ramificazioni periferice del nervo.

Potrebbe anche esserci un miglioramento spontaneo della sensibilità.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#4] dopo  
Utente 160XXX

Gentile dottore grazie ancora per la risposta.
Il punto e a partire da mezzo cm sotto l unghia e in obliquo verso il pollice fino alla pieghetta Del polpastrello. La sensibilità risulta persa da metà polpastrello fino alla rima della unghia poi l altra metà polpastrello e sotto l unghia la sensibilità e presente.

Potrebbe essere che quando tolgo i punti la situazione migliora? Quanti giorni ho di tempo per capire se agire?


Se si esegue l intervento il post intervento come è di solito? Astinenza dal Lavoro? Fisioterapia?

[#5]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Si, come avevo capito io....nel polpastrello non esiste un vero e proprio nervo, ma solo le sue ramificazioni periferiche, sottilissime, con i relativi recettori sensoriali.

In questa zona anatomica non è possibile ricostruire se c'è stata una interruzione anatomica; bisogna solo aspettare che si rigeneri quello che è possibile per recuperare in toto o in parte la precedente sensibilità.

Ci vuole tempo (almeno due mesi).
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#6] dopo  
Utente 160XXX

Gentile dottore quindi quasi sicuramente non dovrò subire un intervento che magari sarebbe stato risolutivo ma solo sperare in un recupero spontaneo.giusto?
Cosa posso aspettarmi in percentuale a livello di recupero della sensibilità?
Devo fare qualcosa affinché ciò avvenga (astinenza dal lavoro o da altro?)
Per ammorbidire la ferita che risulta al momento durissima come una pietra posso usare qualcosa?
Grazie ancora della sua disponibilità

[#7]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Mi fa domande a cui solo il tempo potrà dare risposta.

Deve solo attendere con pazienza.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#8] dopo  
Utente 160XXX

Grazie mille dottore per le sue risposte.

[#9]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Di nulla.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale