Utente 489XXX
Salve volevo avere dei chiarimenti riguardo a dei dolori che mi sono venuti (la prima volta 1 mese fa e la secondo volta ieri sera). Avverto dei dolori nel fianco destro. Sono andata in ospedale e mi hanno detto che può essere causato dallo scoppio di un follicolo. Una volta fatta L ecografia vaginale viene scoperto del versamento nel Douglas (piccolo). Però la ginecologa sostiene che non può essere dovuto il dolore, dallo scoppio di un follicolo perché prendo la pillola, quindi mi ha detto che può essere un infezione (non si Sa bene). Vorrei sapere da parte vostra cosa pensate perché mi sono venuti gli stessi sintomi a un mese di distanza dalla prima volta e hanno escluso tutte e due le volte appendicite perché sintomi non combaciano. Perciò sono preoccupata perché una diagnosi precisa non l’ho ricevuta. Cosa dovrei fare? Grazie mille a chi risponderà

[#1]  
Dr. Francesco Caruso

24% attività
4% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
AMANTEA (CS)
ROMA (RM)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2018
Salve,

Il versamento nel Douglas non è la patologia, ma il risultato di un qualcosa di infiammatorio a livello della sua pelvi.

Qualunque problema infiammatorio più o meno grave può causare la raccolta di liquidò in questo compartimento della cavità addominale che si chiama Douglas.

Il fatto che ci sia una raccolta, della quale lei non riporta peraltro l’entità, implica che ci possa essere qualcosa di infiammato. Una piccola raccolta nel Douglas è estremamente frequente in presenza di ciclo mestruale o di problemi ovarici a specifici.

Da come descrive i sintomi si tratta verosimilmente di una patologia ginecologica, per cui le consiglio di essere seguita in maniera stretta da una ginecologa. L’opportunità che sia un follicolo scoppiato non è da escludere completamente a mio parere.

Spesso non è possibile dare un nome alla patologia che ha provocato il dolore ed il versamento, perché si tratta di problemi non rilevabili con gli esami strumentali standard.

La cosa importante escludere pelvi peritoniti o problemi di immediata urgenza chirurgica o terapeutica, che mi pare nel suo caso sia stato fatto.

Cordialmente
Dr. Francesco Caruso
Specialista in chirurgia dell’apparato digerente ed endoscopia digestiva