Utente
Salve,

sono un ragazzo di 34 anni.
A settembre 2019 mi è stata riscontrata l'occlusione al 100% della carotide interna destra.


L'episodio con cui si è manifestata la problematica è stato un forte dolore localizzato in un punto della testa, seguito il giorno successivo dalla temporanea perdita della vista all'occhio destro (che attualmente presenta una riduzione del campo visivo, per fortuna in un punto che non preclude la vista).


Non avevo mostrato alcun sintomo fino a quel momento, sono sempre stato uno sportivo, non ho mai fumato o avuto problemi a livello di alimentazione, e tuttora da ogni analisi che ho fatto non sono emerse problematiche.
Sono stato ricoverato presso il reparto di neurologia e ho eseguito TAC, analisi del sangue, angiotac, ecografia bilaterale al cuore, risonanza magnetica, ovviamente anche ecodoppler alle carotidi e transcranico.

L'unico esame il cui esito sto ancora attendendo è il test di Fabry.


Nessuno ha saputo spiegarmi perché la mia carotide sia occlusa.


Ho seguito per 4 mesi una terapia farmacologica con Duoplavin, attualmente invece sto prendendo 1 Cardioaspirina al giorno.


Sono in possesso della cartella clinica completa e vorrei fare una visita presso il miglio centro in Italia, sapete indicarmene uno?
Un centro, oppure il nome di un medico esperto in materia.


In secondo luogo, chiedo questo: da una settimana circa, avverto una sorta di formicolio alle guance che si presenta in modo sporadico, senza mai giungere ad un un vero addormentamento.
Può essere un sintomo importante?


Grazie a chiunque vorrà gentilmente rispondere.

[#1]  
Dr. Antonio Tori

24% attività
16% attualità
12% socialità
BUSTO ARSIZIO (VA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2013
Buon giorno,
sono il Primario Emerito di Chirurgia Vascolare di Busto Arsizio e volevo iniziare col dire che in medicina non esiste "il migliore" in senso assoluto.
Il mio reparto è stato il primo in Italia ad operare le Carotidi in anestesia locale ed esegue, in media, 150 interventi all'anno di questo tipo dal 1980, con un incidenza di complicanze neurologiche inferiore allo 0,5%. Siamo i migliori? Non lo so siamo un centro che certamente ha operato e opera molto questa patologia.
Detto questo in un giovane la lesione carotidea non è legata all'arteriosclerosi come per il 90% dei nostri pazienti ma può essere legata a: ( faccio delle ipotesi) Dissecazione ( lesione spontanea della parete generalmente legata ad una crisi ipertensiva con conseguente trombos), trauma locale diretto, trombofilia ( deficit congenito di fattori ematici), sindrome malformative ( Marfan). Queste ipotesi sono state valutate?
Per il resto le carotidi chiuse non vanno riabitate, se la cause non sono di tipo arteriosclerotiche, ma legate alle ipotesi che ho formulato spesso si possono aprire spontaneamente,ma solo dopo molto tempo (anni).
Io intraprenderei una terapia con i nuovi anticoagulani orali .
La sintomatologia del viso è legata ad un deficit vascolare della Carotide esterna che vascolarizza quella parte.
cordiali saluti
A.Tori
Dr. Antonio tori

[#2] dopo  
Utente
Gentilissimo Dott. Tori,

la ringrazio innanzitutto per la sua cortese e dettagliata risposta.

Presso l'ospedale di Teramo, che mi ha seguito, hanno avanzato l'ipotesi che possa trattarsi di un fattore congenito, senza però giungere a una certezza (anche se intuisco non sia così semplice ottenerne), oppure di disseccazione.

Circa le altre cause da lei ipotizzate:
Ho una sublussazione alla clavicola destra, risalente al 2017, e non so se questo possa essere ricollegato all'occlusione della carotide (nessuno ha escluso o confermato).
Ho eseguito i test per la trombofilia e i risultati delle analisi sono negativi.
Marfan parrebbe da escludere in base a quello che ho appena letto documentandomi brevemente ("Nelle manifestazioni muscolo-scheletriche, ciò che più colpisce è l'altezza dei pazienti, che sono più alti della media dei coetanei, e spesso sviluppano segni di magrezza eccessiva... Un'altra caratteristica è la lunghezza e forma affusolata delle dita...", queste caratteristiche sono molto lontane dalla mia figura).

Il suo riferimento ai "nuovi anticoagulanti orali" comprende anche la Cardioaspirina o si tratta di altri farmaci?

Il deficit vascolare della Carotide esterna che causa i formicolii al viso è un sintomo preoccupante?

Mi hanno detto che posso seguire un'alimentazione normale, senza vincoli, e che posso fare qualsiasi tipo di sport. Volevo sapere se secondo lei posso seguire tranquillamente queste indicazioni.

Sicuramente prenderò in considerazione la vostra struttura per una visita approfondita, devo solo potermi organizzare per via della distanza.

Grazie ancora per l'attenzione.

[#3]  
Dr. Antonio Tori

24% attività
16% attualità
12% socialità
BUSTO ARSIZIO (VA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2013
Buon giorno,
gli anticoagulanti orali sono il Pradaxa et all.
La carotide esterna vascolarizza il volto e se l'occlusione ha interessato anche lei i sintomi sono giustificati . Non è un fatto pericoloso, la Carotide esterna talvolta viene legata chirurgicamente per problemi tecnici e non crea disturbi.
saluti
A.T.
Dr. Antonio tori