Utente 214XXX
salve sono un ragazzo di 21 anni.

e' gia da qualche anno che ho leggeri problemi di emorroidi , nello specifico quelle che si trovano ai bordi dell'ano proprio subito fuori dalla fessura [ (non mi sono mai lamentato di emorridi che da dentro escono fuori, solo molto raramente nella defecazione sento come una pallina che stringendo rientra, ma solo raramente) ]che a distanza si di mesi a volte si gonfiano, ma e da 3 giorni che se ne e' gonfiata una molto di piu' delle altre volte, e mi fa abbastanza male.
l'emorroide e di consistenza dura, e colore blu scuro. NORMALMENTE NEL GIRO DI UNA SETTIMANA SPARIVA SEMPRE TUTTO, ORA STO' PRENDENDO PASTIGLIE E METTENDO UNA POMATA.
vorrei sapere che tipo di emorroidi sono? a che stadio sono?
vorrei sapere, se e' il caso di allarmarsi, e soprattutto se e' una situazione che tendera' sempre a peggiorare oppure tende a stabilizzarsi.

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
dovrebbe trattarsi di un'emorroide trombizzata.

Una visita proctologica sarebbe più che opportuna.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Gentilie utene,


la valutazione e lo stadio delle emorroidi potrà essere stabilito nel corso di una viista proctologiac. da come descrive lei ha una trombosi emorroidaria. E' opportuna una terapia sistemina antiinfiammatoria e con pomate locali anestetiche. Importante rendere le feci morbide (con fibre e buona idratazione), un'accura agiene locale con acqua tiepida.


Cordialmente.
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#3] dopo  
Utente 214XXX

vi ringrazio,

quindi si tratta di emorroidi trombizzate,
cosa hanno di diverso dalle emorroidi normali? sono piu gravi meno gravi?
ma il motovo cosa potrebbe essere (il caffe potrebbe?) ultimamente ne prendevo sempre almeno 1 al giono,


[#4] dopo  
Utente 214XXX

ho letto che se sono trombizzate e gia' una complicazione,
ma mi chiedo perche' si forma il trombo? cosa lo fa formare ?
posso capire le emorroidi gonfie perche sono infiammate, ma il trombo perche' si forma? e soprattutto non capisco perche' si ritrombizzano distanza 5 6 mesi o piu'.? credete che continuero' cosi'?
io mangio sano, e non ho MAI poblemi nell'andare di corpo.

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008

gentilissimo,

la trombosi emorroidaria fa parte, come il sanguinamento, della storia naturale delle emorroidi. I fattori della crisi emorroidaria sono diversi: la stitichezza, la dieta povera di fibre, i lavori che comportano il sollevamento di pesi elevati, l'abitudine a rimanere a lungo seduti sul water, determinando una pressione prolungata sulle vene emorroidali, tutti elmenti che possono portare alla rottura come anche nella formazioni di trombi all'interno del vaso.

In presenza di una trombosi è importante una terapia sistemica con antiinfiammatori e flavonoidi; è bene rendere le feci morbide; pulirsi con carta igienica imbevuta d'acqua; attenersi ad una dieta scrupolosa e non irritante. Da considerare, però, che il trombo a volte necessita di lungo tempo per dissolversi con le terapie conservative, mentre la soluzione chirurgica con piccola incisione del vaso e fuoriuscita del trombo porta a rapida guarigione e beneficio.

Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#6]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
La trombosi emorroidaria esterna si divide in due forme.

1) La trombosi esterna semplice (ematoma perianale) che si verifica dopo uno sforzo o in seguito ad un periodo prolungato in posizione seduta. Si manifesta come una tumefazione bluastra tesa e dolente localizzata sul margine anale. La terapia medica ne determina la guarigione in un periodo di 2-3 settimane con una residua marisca. L’incisione e l’evacuazione del trombo in anestesia locale determina un beneficio immediato.

2) L’edema perianale invece è più voluminoso e può essere costituito da più trombi, la guarigione quindi è più lenta rispetto a quella dell’ematoma perianale e l’incisione chirurgica non porta beneficio immediato al paziente.

Le rinnovo l'invito a visita proctologica.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#7] dopo  
Utente 214XXX

ok... cosa posso fere ora per velocizzare la guarigione?

ora mi sto curando con pastiglie 3 al giorno, e una pomata dati dal medico di famiglia.

e' consigliato mettersi a mollo in acqua tiepida?


MA PERCHE' TENDONO A RECIDIVARE COSI'? anche senza una causa plausibile. io non ricordo di avere mangiato schifezze o altro.

secondo voi l'attivita' fisica, quali palestra e basket possono influire?

[#8]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Una leggera attività fisica di almeno 20 minuti al giorno aiuta a prevenire l'insorgenza delle emorroidi e/o a eliminare la stipsi. L'ideale è una camminata rapida o esercizi per rinforzare la muscolatura addominale, evitando sforzi eccessivi o prolungati che invece potrebbero peggiorare la situazione.

Ma ... Le chiedo: il medico curante l'ha visitata?
Se si cosa le ha detto?
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#9]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Gentile utente,

come già detto la trombosi fa parte della storia naturale delle emorroidi e non necessariamente bisogna averte comportamenti igienico-alimentari incongrui. A volte la trombosi interviene indipendentemente dai nostri comportamenti: sono delle vene soggette a traumi continui (sforzo defecatorio) per cui nel loro interno si possono formare dei trombi. Per quanto concerne le misure terapeutiche ne ho già parlato nelle mie risposte precedenti. L'attività fisica fa bene in quanto migliora la circolazione locale, ovviamente bisogna fare attenzione a tutti gli sport dove c'è un aumento del torchio addominale.

Saluti
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#10] dopo  
Utente 214XXX

grazie un'altra volta.

comunque no, il mio medico non mi ha visto, gli ho solo spiegato come era la situazione. solo la pima volta mi ha visitato quando mi e' successo per la prima volta, ma si parla di anni fa.
mi ha solo detto che si devono sgonfiare.

ma stare a mollo in acqua tiepida mi puo' aiutare? nell'acqua cosa potrei aggiungiere?

[#11]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Dare terapia senza visitare, facendo leva su una visita di ... anni fa....
... mi imbarazza moltissimo!

Si faccia visitare da un proctologo.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#12]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Non vedo la necessità di stare a mollo nell'acqua tiepida: rischia una maggiore vasodilatazione. Il lavaggio locale deve essere fatto sicuramente con l'acqua tiepida ( e non fredda, per evitare lo spasmo dello sfintere e il peggioramento della situazione) ed utilizzando prodotti lenitivi/ emollienti.

Saluti

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#13] dopo  
Utente 214XXX

non credo che si sia basato su quello che e successo la prima volta.
mi ha prescritto un farmaco simile al arvenum che inizia per D ( ora non c'e l'ho sotto mano non ricordo) e come pomata il proctosedil se lo scritto giusto.

[#14]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Si ribadisce il concetto della visita proctologica per la terapia specifica.


Saluti

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#15]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
È una terapia venoprotettiva....

Ma una visita proctologica è imperativa!

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#16] dopo  
Utente 214XXX

va bene..
per la visita basta che vado dal mio medico e gli chiedo cosa devo fare?

strano che lui non mi ci abbia gia' mandato.

posso andare in palestra o aspetto la totale guarigione?

devo dire che ora non mi fa piu' male sono stati i primi 3 giorni che mi dava molto fastidio, ma ora va molto meglio.

ma comunque non capisco perche' mi si ripresentano puntualmente....

[#17]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Molto bene per la riduzione del dolore.

Per il resto le dico che le emorroidi son sempre lì ... in agguato,
è questo il motivo per cui necessitano di verifiche e controlli.

Auguroni
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#18] dopo  
Utente 214XXX

e' meglio farsi visitare quando sara' tutto guarito?

[#19]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
A questo punto ... decida lei.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#20] dopo  
Utente 214XXX

una cosa non capisco, ieri e oggi ho sempre molto stimolo di andare a fare pipi' e oggi a andare di corpo.
possibile che l'emorroide provochi questo stimolo?
la feci sono comunque morbide e non voluminose.

[#21]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Non dia tutta la colpa alle emorroidi,
ad es. esistono le cistiti (=> es. urine).
Ma per tutto questo è da coinvolgere il suo medico di base.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#22] dopo  
Utente 214XXX

posso prendere il sole? o stare sotto il sole crea dei problemi?

[#23]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Carissimo ragazzo,
perchè mai dalle emorroidi ...
... stiamo passando a discutere di disturbi urinari e di insolazioni?

Questi problemi li rappresenterà al suo curante:
non sono di pertinenza gastroenterologica.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#24] dopo  
Utente 214XXX

no, chiedevo se potevo espormi al sole, solo per il semplice fatto che il calore dilata, e visto il problema alle emorroidi gonfie non vorrei buttare benzina sul fuoco.

[#25]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Lei ora dice
<<emorroidi gonfie>>

ma le ricordo le sue parole,
<<devo dire che ora non mi fa piu' male sono stati i primi 3 giorni che mi dava molto fastidio, ma ora va molto meglio.>>.

A questo punto si faccia visitare da un proctologo e se ne potrà parlare con cognizione di causa.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#26]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Gentile utente,

si renderà conto, mi auguro, del vicolo cieco, di tale consulto. Non facciamo altro che dire sempre le stesse cose.

Abbi pazienza, ma il consulto on line non può andare oltre a quanto già detto.


Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#27] dopo  
Utente 214XXX

si, mi rendo conto che on linee non si possono fare miracoli.

comunque sono tornato a scrivere per chiedere una cosa.

ora a distanza di 4 giorni, non mi fa piu' male,
solo che la vena che prima era DURA e DOLORANTE, ora e' sempre gonfia allo stesso modo, ma MORBIDA e NON DOLORANTE AL TATTO.

VORREI SAPERE, MA SI SGONFIERA' ANCORA SECONDO VOI? OPPURE RESTERA' GONFIA COSI' PER SEMPRE?
VISTO L'ASSENZA DI MALE.

[#28]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Ancora una volta, purtroppo, la risposta è necessariamente legata alla visione "diretta" della zona.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it