Utente
Gentile Dottore,
sono una ragazza di 26 anni che da qualche mese purtroppo avverte un problema alquanto fastidioso e doloroso.
Soffro di stitichezza,che mi porta a sforzarmi per evacuare,questo ha dato origini a delle emorroidi o ragadi (sinceramente non so distinguerle) che avvolte sanguinano durante la defecazione.
La cosa che mi infastidisce e sinceramente non so come risolvere è che dopo circa 3 ore dalla defecazione in cui avverto un po' di dolore e c'è la presenza di sangue rosso vivo,mi inizia a salire la febbre,avvolte arrivando anche oltre i 39° anche se dura mezza giornata,al massimo una giornata intera.
Questo puo' capitare anche per 2 giorni di fila ed io sinceramente non so più come fare per porre fine a questo spiacevole problema.
La prego mi aiuti,non sono fumatrice,non bevo alcolici,faccio una vita normale,forse fin troppo..senza eccessi o cose del genere.
Ho bisogno di un suo parere.
Distinti saluti.

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente è indispensabile una visita proctologica per confermare la sua diagnosi o formularne una diversa in quanto la febbre legata ad un problema anale o è correlato ad una complicazione dei suoi problemi oppure ad un ascesso. Diversamente se non vi è correlazione con la visita effettuata, si dovrà individuare la causa della sua febbre.
Cordiali saluti.
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la celere risposta.
Volevo chiederle se per questo problema (ascesso o fistola) esiste una cura farmacologica anche antibiotica o si deve intervenire chirurgicamente.
Sono molto spaventata all'idea di un eventuale intervento per di piu' in una zona delicata come l'ano.

[#3]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, il problema infiammatorio, nel primo caso acuto nel secondo cronico, solitamente va affrontato chirurgicamente per determinare una guarigione definitiva. Non serve spaventarsi, bisogna andare dal proctologo per avere una diagnosi certa e seguire i consigli dello specialista per risolvere il problema.
Cordiali saluti.
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza