Utente
Buongiorno ,
Sono un ragazzo di 31 anni con familiarità per quanto riguarda il tumore al colon ( mia madre scoperto all’età di 47 anni e risolto tramite operazione ).
Volevo chiedervi alcune delucidazioni in merito alle mie feci.
Tengo a precisare che i primi di marzo ho effettuato esame delle feci completo ed analisi del sangue dove è risultato tutto nella norma.
Circa 3 settimane fa a causa di un’antibiotico ( per l’influenza ) ho avuto diarrea per 3 giorni risolta poi con l’aiuto di una corretta dieta e di fermenti lattici e le mie feci sono tornate normali con 2 evacuazioni giornaliere di forma e consistenza normalissima.
Queste normali evacuazioni sono coincise con la partenza per 4 giorni di vacanza fuori con la mia famiglia ma una volta tornato a casa sono ripresi un po’ di “ problemi “ con le evacuazioni dove ho defecato pezzi piccoli in due/tre volte ( per un paio di giorni ) oppure feci di calibro inferiore di quelle fatte qualche giorno prima e non perfettamente cilindriche ma un po’piatte.
Sto passando un periodo abbastanza stressato per via di problemi al lavoro, però ho sempre questa “ fobia “ di guardare le feci e dargli tutte le interpretazione possibili del caso.
Vi chiedo cortesemente di poter rispondere alle mie domande:

1) Il fatto di essere fuori casa e di non pensare alle mie “ Feci “ può aver contribuito alla formazioni di feci normalissime per forma e consistenza?

2) E’normale evacuare la mattina appena sveglio ( feci quasi normali e non tantissime ) e poi arrivare al lavoro , dopo circa un’ora ed evacuare nuovamente ma con feci “ cremose “?

3) Come mai quando sono a casa la doppia evacuazione ravvicinata al mattino non avviene? ( magari arriva dopo pranzo )

Il colore è marrone, ed attualmente sto molto attento all’alimentazione mangiando tutti i giorni frutta e verdura ( cosa che facevo molto di rado prima )

Non alcun altro sintomo, solo questo ostinato pensiero per le feci.

In attesa di un Vostro cordiale riscontro.
Cordiali Saluti



[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
In tutto ciò che descrive non vi è nulla di anormale tranne il suo atteggiamento ansioso nei confronti della consistenza delle feci e della loro frequenza.
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente
Gent.ssimo Dott.Rossi,
La ringrazio per la celere risposta e cercherò in qualche modo di essere meno ansioso e di pensare meno all'aspetto delle mie feci.
Purtroppo sono un tipo abbastanza ansioso e tendo a non esternalizzare i miei pensieri etc....e questo mi porta, ogni tanto ( circa una volta al mese ) ad avere episodi di diarrea con al massimo un paio di scariche.
Questa paura è iniziata circa un'anno fa quando ebbi , in seguito ad una gastroenterite molto forte, un paio di episodi di sangue nelle feci ( praticamente dopo credo una 40 di volte alla fine usciva solo sangue ).
Recatomi al pronto soccorso e dopo esplorazione rettale non c'è stato nulla di anomalo e dopo un paio di giorni di fermenti e Imodium il tutto è passato e non è mai accaduto più.

Quindi in merito alle mie 3 domande di prima non c'è nulla di anomalo?
Il fatto di non pensarci ed avere feci " perfette " potrebbe essere attribuito ad una " specie " di colon irritabile?

Inoltre le volevo chiedere in merito alla mia familiarità, quando mi consiglia di cominciare lo screening di prevenzione?
Considerando che da quest'anno in poi faro la ricerca del sangue occulto una volta l'anno.

Grazie mille per la sua disponibilità.
Cordiali Saluti


[#3]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
È davvero molto presto fare la ricerca del sangue occulto nelle feci . È possibile che vi sia una lieve forma di IBS ( sindrome irritativa del colon)
Dr. Roberto Rossi

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio nuovamente, ma per quanto riguarda la Colonscopia quando crede sia il caso di iniziare?

Grazie

[#5]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
In assenza di sangue occulto trai 40 3 i 50 anni.
Dr. Roberto Rossi