Utente 325XXX
Gentilissimi dottori,
sono qui per chiedere un consulto su ciò che è accaduto questa mattina.
Premetto che ho avuto 2/3 giorni di disturbi intestinali, il tutto curato con del Bimixin. Ieri sembrava tutto passato, sono andata in bagno normalmente, di una consistenza normale, senza mal di pancia. Poi verso la sera ho avuto dei fastidi alla parte alta dell'addome destro, ma ho attribuito tutto a un po' di gonfiore passeggero in quanto, nel periodo ovulatorio, mi capita sempre di esserlo. Il fastidio è passato poco dopo ed io questa mattina appena alzata sono andata in bagno. Le feci erano di una consistenza del tutto normale, l'unica cosa che ha destato la mia preoccupazione è stato il fatto che una parte di feci presentava dei grumi bianchi misti alle feci stesse, mentre la restante parte no. Erano grumi bianchi secchi, semisolidi, come quando si ammorbidisce una medicina con l'acqua, uno di loro invece sembrava un chicco di riso (che io proprio non ho mangiato).. quindi mi sono chiesta, cosa possono essere questi grumi bianchi? Ho subito pensato alla tenia, pur non avendo mangiato carne cruda da mesi e mesi. Ho fatto un controllo di analisi delle feci un mesetto fa ed è risultato tutto apposto, poi una settimana fa ho eseguito delle analisi del sangue, anche quelle per controllo, che non hanno rivelato nessun valore fuori dalla norma, l'emocromo era perfetto.
Mi sono ricordata che non è la prima volta che li vedo. Una volta vidi proprio la polvere dell'OKI preso un po' di ore prima.. Quindi mi chiedo se son io magari che non digerisco bene le medicine e potrebbero essere resti di Bimixin, oppure resti di cibo?
Posso essere tranquilla che non sia Tenia? Non penso si presenti a grumi vero?

Grazie mille per l'attenzione :)

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Pur non potendolo escludere con certezza posso dirle che l'eliminazione delle uova di Tenia producono frammenti di colore giallognolo, che non mi sembrano riconducibili al reperto da lei notato. Propenderei più per una sorta di malassorbimento temporaneo di ciò che ha ingerito (farmaci compresi) a seguito della gastroenterite appena sofferta, ma per confermarlo le consiglio un consulto diretto con il suo Medico di Famiglia.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com