Utente 376XXX
Gentili dottori,
sono una donna di anni 30 e qualche anno fa (circa 5) ho notato prima al tatto lavandomi, e poi con l'osservazione della parte, la "nascita" subito fuori dall'ano di una linguetta di carne. Inizialmente pensavo si trattasse di un'emorroide fuoriuscita, considerato che, causa uso terapia con isotretinoina per acne, in quel periodo avevo avuto problemi di durezza delle feci, con conseguente difficoltà nell'evacuare e a volte anche apertura di ragadi.
Tuttavia, definitivamente passato il periodo di trattamento con isotretinoina e conseguentemente risolti i problemi di stitichezza, il pezzettino di carne è rimasto, seppur completamente asintomatico. Non prude, non brucia, non mi da problemi durante la defecazione, non perde sangue, non fa male neanche pigiandolo tra le dita.
Inizialmente, fattolo vedere al medico di base, questi mi parlò di "emorroide svuotata" che non mi avrebbe dato problemi.
Tuttavia, osservandolo meglio ho notato che in realtà non sembra proprio una pallina che fuoriesce dall'ano, ma sembra più una linguetta nata nei dintorni dell'ano, che si appiattisce pigiandola (senza che ciò mi provochi alcun dolore) e che se la sposto o la nascondo tra le dita lascia intravedere un'orifizio anale che pare integro.
Pensate anche voi che possa trattarsi di una "emorroide svuotata" oppure può trattarsi di altro?
In ogni caso, per quanto non mi dia fastidio, per una questione estetica e di imbarazzo nell'approcciarmi con l'altro sesso, vorrei comunque toglierla, se è possibile.
Quali sono le possibili tecniche? comportano molto dolore o un decorso post-intervento molto lungo? ci sono rischi di complicazioni e/o recidive?
Ovviamente mi sottoporrò a visita proctologica, ma vorrei andarvi già con un'idea di quello che potrebbe aspettarmi.
Grazie

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Puo' essere una marisca,nel caso asportabile in anestesia locale ambulatorialmente in modo indolore. Farei la visita in programma per indicazioni precise. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it