Utente 424XXX
Convivo ormai da 8 anni con un rettocele piuttosto sintomatico con grosse difficolta'di defecazione.Da circa un anno dopo un episodio di blocco di qualche giorno,dopo essermi liberata ho iniziato ad assumere tutte le sere 1 bustina di movicol e le cose sono andate abbastanza bene fino ad oggi,nel senso che anche se la mattina evacuavo in 2 o 3 volte passando anche 1 ora e mezzo prima di poter uscire di casa, poi per il resto del giorno stavo abbastanza bene. Ricominciavo a sentire un peso all'ano verso il pomeriggio , ma comunque era accettabile.Premetto che non ho dolori, mi devo aiutare con le mani, ma solo per una questione meccanica credo. Da una settimana le cose sono cambiate al contrario..dopo il rituale del mattino sento gia' dopo un'ora circa il senso di defecare ed effettivamente anche se poco, questo avviene e cosi per tutta la giornata.Vado in bagno circa ogni ora liberandomi ogni volta un po'. Sono distruttua.....a parte andare a lavorare resto sempre in casa terrorizzata di avere bisogno del bagno.Cosi e impossibile vivere....Questa la mia diagnosi della defecografia effettuata un anno fa. DAI RADIOGRAMMI A RIPOSO REGOLARI APPAIONO DIMENSIONI E MORFOLOGIA DELL'AMPOLLA RETTALE. IN FASE DI MASSIMA RITENZIONE SCARSO LO SPISTAMENTO CRANIALE DEL PUNTO DI GIUNZIONE RETTO-ANALE. IN FASE DI DEFECAZIONE SI EVIDENZIA COSTANTE IMPRONTA POSTERIORE DELLA FIONDA PUBO RETTALE DA IPERTONO DELLA STESSA. SULLA RIGIDITA DELLA FIONDA SI STABILISCE UN RETTOCELE DI 3 CM. CIRCA. EVIDENZA DI ENTEROCELE. DISCRETO CISTOCELE. SCARSO RESIDUO DI MDC IN AMPILLA RETTALE. ABBASSAMENTO DEL PIANO PERINEALE. Questo esame mi era stato prescritto dopobuna visita chirurgica effettuata contro il parere del mio medico curante, secondo il quale il rettocele non si opera. Ma io faccio una pessima qualita' di vita....e' vero non ho dolori ma non posso stare lontana da un bagno per parecchio tempo.In piu adesso si e' verificato questo cambiamento repentino che non so come affrontare....sono veramente disperata....Chiedo a voi.....non sara' il caso di intervenire chirurgicamente? Purtroppo nella mia citta' non ci sono buoni chirurghi proctologi,ma sono disposta a spostarmi. Dopodiche' leggo di persone che si sono operate e stanno peggio di prima...Insomma cosa devo fare??? Vi ringrazio tantissimo anticipatamente se vorrete rispondere Giuliana

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Il rettocele si opera eccome, ma non sempre e operarlo quando non è indicato è un grosso errore.
Sicuramente affidarsi a un proctologo con esperienza è la cosa migliore da fare. Esistono terapie non chirurgiche per la ostruita defecazione che se indicate sono efficaci. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente 424XXX

Il problema e' proprio questo...un proctologo con buona esperienza dalle mie parti pare non ci sia......comunque grazie per la risposta.