Utente 452XXX
buongiorno, scrivo per mia sorella che ha 39 anni e da 5 gli hanno diagnosticato il morbo di chron. ovviamente è stata subito ricoverata e con l'aiuto delle medicine è riuscita andare avanti con alti e bassi , con dei periodi che stava bene poi aveva le ricadute e tutto ciò di nascosto perche aveva paura, dopo l'ultimo periodo tra marzo e aprile che ho insistito perchè vedevo che stava male ha ammesso di star male e la dottoressa che l'aveva in cura ha deciso subito di fare l'analizzi di sangue e feci. purtroppo i risultati non sono stati buoni , il calcio nel sangue risulta 8,78, fosfatasi alcalina 28, il valore che è molto alto è quello della calcoproctina che è di 569,4. A questo punto deve fare la colonscopia e la biopsia. Mia sorella l'ha presa molto male, si è buttata giù di morale pensando a qualcosa molto di grave, non mangia , piange sempre, si distrugge e sappiamo che tutto ciò non va bene per la sua malattia.
Vi chiedo , a questo punto , di quanto dobbiamo preoccuparci,questo valore cosi alto cosa significa?
vi ringrazio anticipatamente per la Vs gentile risposta.

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente è un valore che nelle malattie infiammatorie croniche si altera, quindi nulla di strano. E' importante comunque combattere questa malattia non tumorale con il giusto stato d'animo oltre che con i farmaci specifici, quindi se tutto ciò non c'è occorre aiutarla anche con un supporto psicologico.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#2] dopo  
Utente 452XXX

buongiorno dottore, è stato molto gentile a rispondermi.
la nostra preoccupazione era che fosse un tumore o qualcosa del genere, visto che la dottoressa ha chiesto biopsia, ma molto probabilmente è un esame che si fa sempre.
la ringrazio per il tempo dedicatoci.
cordiali saluti

[#3]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Si è la routine.
Prego e auguri
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza