Utente
Salve dottori, ho 34 anni e sto passando veramente un periodo terrificante della mia vita, quindi ci tengo a farvi un quadro più largo della situazione. 2 anni fa ho perso mio padre per complicanze sorte dopo che gli fu diagnosticato un linfoma all'intestino (e conseguente chemioterapia). Durante la sua malattia ho cominciato ad accusare dolori al testicolo destro e bruciore alla minzione. Visite urologiche, analisi ed ecografie non hanno evidenziato nulla se non dei microcalcoli ai reni. Il bruciore alla minzione non è mai passato ed ha cominciato a creare in me una tensione quotidiana sulla mia salute

A giugno scorso ho dovuto affrontare un periodo lavorativo (giugno/luglio) molto stressante che mi ha portato a rimanere seduto per molte ore (lavoro d'ufficio). In questo periodo ho cominciato ad avere una forte stipsi e bruciori all'ano. A settembre i disturbi all'ano erano diventati molto fastidiosi e il mio medico mi prescrisse una cura per emorroidi di 10gg di una crema e un antinfiammatorio.

Dopo la cura la situazione era migliorata, il bruciore all'ano è diminuito ma ho cominciato a percepire una sorta di fastidio e pesantezza anche all'interno del retto, come di ostruzione interna, tanto che mi è capitato a volte di sentire fastidi fino all'altezza del coccige. La stipsi ha poi cominciato ad alternarsi a diarrea e feci molli non formate e la mia paura di avere un brutto male è diventata sempre più forte. A dicembre si sono aggiunti altri sintomi, vampate di calore, pruriti, debolezza agli arti, sporadiche nausee e difficoltà nella digestione, che mi hanno portato a scoppiare mentalmente e a richiedere di nuovo un consulto al mio medico.

Quando sono stato dal medico ormai ero già in piena crisi psicologica, condita da fasi di pianto e disperazione, tanto che il dottore mi ha prescritto una cura di antidepressivi, oltre a una serie di analisi sangue, urine e colon per tranquillizzarmi. Urine perfette, analisi del sangue perfette (a parte un lieve ipotiroidismo per il quale sono in cura con l'endocrinologo). Addirittura per tranquillizzarmi il dottore ha incluso tutti i marker tumorali, compreso quello specifico del colon retto. Tutto nella norma. Mancavano da fare esami del sangue occulto delle feci e colonscopia, ma nel frattempo ho cominciato a tranquillizzarmi, riuscendo a ritrovare un pizzico di serenità.

Ho continuato con feci molli e bruciori (specialmente durante la defecazione e in posizione seduta) ma il fastidio al retto ormai era più sporadico. Poi circa due settimane fa ho trovato una piccola striscia di sangue rosso sulla carta igienica, e da li sono tornato nel terrore, ricominciando a sentire dei dolori interni al retto più costanti e la solita sensazione di ostruzione

In più due giorni fa ho ritiriato le risposte dell'esame del sangue occulto nelle feci che hanno evidenziato 1 campione positivo su 3 e la cosa mi ha praticamente DISTRUTTO psicologicamente.

Sono andato di corsa dal mio medico di base che mi ha detto di star tranquillo, che non ho nulla di grave, che le analisi del sangue sono perfette e che è sicuramente dovuto a delle emorroidi/ragadi che mi creano questo fastidio al retto. Insomma secondo lui non ho nulla di grave e mi ha detto di andare a fare la colonscopia per tranquillizzarmi

La colon è in programma per il 28 febbraio, e nonostante le parole del mio dottore continuo ad avere una paura tremenda

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Con la colonscopia chiarirà, ma da quello che riferisce, la prima tappa doveva essere la visita proctologica con proctoscopia.Con questa,senza particolare preparazioni, avrebbe chiarito prima.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente
Salve dottore la ringrazio per la risposta

Nei i limiti di un consulto a distanza...può aiutarmi a tranquillizzarmi un po’ in vista dell esame? Potrebbe essere qualcosa di meno serio? Colon irritabile? Emorroidi?

Ma poi è possibile che più sono agitato e più percepisco il fastidio in modo particolare?

Grazie

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
"Sono andato di corsa dal mio medico di base che mi ha detto di star tranquillo, che non ho nulla di grave, che le analisi del sangue sono perfette e che è sicuramente dovuto a delle emorroidi/ragadi che mi creano questo fastidio al retto. Insomma secondo lui non ho nulla di grave e mi ha detto di andare a fare la colonscopia per tranquillizzarmi"

Potrebbe aver ragione.

Ma è importante, anche per chi ci legge, sapere che di fronte ad un sanguinamento rettale, prima di attribuirlo a patologie benigne bisogna escludere quelle maligne, questa esclusione si può fare solo attraverso una visita proctologica ed una proctoscopia.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com