Utente 458XXX
Salve circa tre settimane fa ho terminato il periodo di trattamento con setone messo in tensione. Questo è caduto dopo circa due mesi di medicazioni però adesso mi trovo con una ferita che secerne ancora pus. La situazione adesso è molto migliorata rispetto a prima dell'oprazione ( dolori intensi dopo aver defecato e dolore a fasi alterne durante la settimana). Adesso non provo più alcun dolore dopo aver defecato e nemmeno durante la vita di tutti i giorni (al tatto non sento più alcun foruncolo o granellino come sentivo in precedenza), l'unico problema rimasto è che dalla ferita lasciata dal setone (credo) fuoriesce del pus e residui di defecazione (solo dopo aver appunto defecato) e sono costretto a continuare ad utilizzare delle garze. Mi chiedevo questo comportamento è normale dopo un trattamento di questo tipo (almeno finché la ferita del setone non è completamente risarcita), quali sono solitamente le tempistiche prima di poter parlare di recidiva? Ho fatto una visita con il chirurgo che mi ha seguito e mi ha detto che la ferita è ancora aperta e di aspettare settembre per un ulteriore consulto. E' possibile che si impieghi un tempo cosi lungo per risarcire una piccola ferita del setone? Grazie

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
A distanza non possiamo né confermare né contraddire quello che le è stato detto.
Solo con una visita diretta, dopo aver valutato le caratteristiche della ferita residue, sarà possibile darle le informazioni richieste.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com