Utente 511XXX
Buongiorno,
circa un mese fa presso il Pronto Soccorso mi è stta diagnosticata una "trombosi emorroidaria con gavacciolo prolassato" a cui ne è seguita immediata incisione con parziale riduzione.

Oggi, dopo un mese, ho eseguito visita di controllo e ne è emerso che mi è rimasta una marisca particolarmente grande (al tatto posso intuire che è di 3 cm).
La diagnosi è la seguente: "Esito di prolasso mucoemorroidario trombizzato a sinistra con marisca esterna flogosata"
Durante la visita mi è stata fatta legatura elastica e scleroterapia.

La cosa che più mi preoccupa è che ci siamo ridati appuntamento tra un mese per valutare un emorroidectomia con bisturi laser per rimuovere completamente il prolasso.

Il mio dubbio è se l'emorroidectpmia sia un intervento adatto. Ho letto che è una tecnica ormai superata in quanto molto dolorosa e con tempi di recupero molto lunghi, anche se il medico mi ha parlato di una sola settimana di recupero, il chè mi fa pensare che io abbia capito male, però sono sicuro che abbia anche parlato di bisturi elettrico e ciò dovrebbe escludere le tecniche più moderne, è corretto?

Purtroppo non ho chiarito in sede di visita, perchè queste domande mi sono venute in mente soltanto dopo, perciò chiedo a voi.

Grazie in anticipo per le risposte che mi darete.
Buona giornata.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Mi sembra tutto corretto e condivisibile. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it