Utente 525XXX
salve sono una ragazza di 28 anni e da un anno e mezzo soffro di un fastidiosissimo ipertono dello sfintere.. il proctologo che mi ha visitato mi aveva consigliato un intervento di sfinterotomia (avevo riferito al dottore che la terapia con antrolin dilatan e la tossina botulinica avevano solo di poco migliorato). Ero un pò scettica visto che è un intervento tipico di chi ha ragadi e non è il mio caso, niente sangue o dolore solo forti spasmi e sensazione di corpo estraneo, ma soprattutto di un qualcosa che stringe e tira tanto in tutta la zona rettale. Vista la mia paura di questo intervento optiamo dopo una rettoscopia con sonda 3d per una divulsione anale manuale! ad oggi posso dire che a distanza di una settimana dall intervento la situazione è migliorata ma non risolta! sento ancora rigidità e sensazione di corpo estraneo, gli spasmi non ci sono più! adesso la mia domanda è: è possibile che si arrivi ad una sfinterotomia in assenza di ragade solo per correggere un ipertono o lo trovate inopportuno? Ringrazio anticipatamente

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Inopportuno!
Una valutazione manometrica(manometria anorettale) potrebbe essere di aiuto a capire le caratteristiche del suo ipertono ed il perchè ed a valutare l'utilità di esercizi di rilassamento sfinteriale(FKT e Biofeedback).
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente 525XXX

La ringrazio dottore per la tempestiva risposta, per non dilungarmi nel post precedente non ho specificato il fatto che ho eseguito manometria che conferma la presenza di ipertono! il biofeedback anche l’ho provato! e le fisioterapiste che mi hanno seguito dicono che ho acquisito la capacità di svolgere gli esercizi di rilassamento in autonomia. La parte contratta riguarda lo sfintere interno e quindi involontario è quasi impossibile rilassarlo se decide di serrarsi. In alcuni casi prima della divulsione stringeva cosi tanto da farmi perdere sensibilità nelle natiche e interno coscia. Il motivo scatenante di tutto ciò credo sia stata mesi intensi di palestra e l’abuso di supposte di glicerina (ovviamente interrotte). Ho anche eseguito emg e potenziali evocati sia del pudendo che nei nervi perineali per escludere che ci fossero danni neurologigi! Che dice potrei riprovare con i dilatan ora che ho effettuato la divulsione? magari saranno più efficaci della volta precedente. Alvo regolare con l’aiuto di fermenti

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Che dirle?
A distanza, senza una accurata anamnesi, una visita e senza aver visualizzato gli esami eseguiti non posso esserle di aiuto.
Consigliarle i dilatatori, senza aver compreso il suo problema e la causa(non ritengo assolutamente responsabile la palestra e le supposte di glicerina), sembra riduttivo.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com