Utente
Buonasera
visto il delicato momento, vorrei cercare una prima "soluzione" in questa sede, grazie alla vostra gentilissima disponibilità
Premetto che nel 2008, dopo qualche mese di convivenza con lievi sanguinamenti, pruriti, ecc.
, ho affrontato un intervento mucoprolassectomia (met.
Longo) con esito positivo, dopo che mi era stato diagnosticato un lieve prolasso.

Appena qualche mese dopo, mi era apparso un evidente e doloroso "nodulo" esterno (trombo) dove lo stesso chirurgo, in visita, mi ha fatto semplicemente applicare una pomata (di cui oggi ho un pò di confusione se potesse essere Recto-reparil oppure Eveden...potrebbe essere?) tranquillizzandomi che le emorroidi stavano bene ed era solo appunto un accumulo esterno.

Questo tipo di problema (accumulo di sangue o trombo) talvolta, in maniera più o meno evidente e fastidiosa, torna ad apparire; diciamo una/due volte ogni 1/2 anni e non vorrei sbagliare ma sempre allo stesso punto.
Con decorso sempre abbastanza tranquillo, dopo i primi 2 giorni di dolore più intenso si è sempre riassorbito senza ulteriori complicanze.
L'ultima volta che lo ricordo molto fastidioso è stato 4 anni fa poco prima che nascesse mia figlia (per questo lo ricordo).
Comunque, decorso sempre spontaneamente.

Questa volta invece la cosa sembra più "complicata": per la precisione tre sere fa ho avuto diarrea.
La mattina dopo (ieri l'altro) mi sveglio con un bel "palloncino" bluastro di circa 1 cm abbastanza/molto fastidioso, ma senza altre sintomatologie:nessun sanguinamento, nessun prurito, ecc.
Solo il "tirare" in quella zona.

Non ricordando appunto il nome preciso della pomata che avevo utilizzato in passato prescrittami (col senno del poi, forse era Eveden?) ho acquistato Recto-reparil mettendola mattina e sera dopo pulizia.

Da ieri però, mentre il dolore del "trombo" è abbastanza sparito (nonostante sia ancora ben presente), ha iniziato un fastidiosissimo prurito, e saltuariamente noto anche un liquido sugli slip (credo venga dall'interno perché sento la zona anche appiccicare un pò).
Sicuramente non è sangue, non ho avuto alcuna perdita di sangue, neanche dopo aver defecato stamattina.

Da ieri pomeriggio un fastidioso prurito che dalla scorsa notte e da questa mattina è diventato praticamente insopportabile (è pur vero che ieri purtroppo ho un pò "sfregato" la zona per il grande prurito)
Aggiungo che sin dall'epoca dell'intervento, per la detersione anale giornaliera continuo sempre ad utilizzare Fisian detergente, che era stato prescrittomi appunto dopo l'intervento.

La zona adesso, oltre al prurito, esternamente è arrossata/irritata e sembra anche un pochino gonfia ed indurita esternamente tutta intorno all'ano, ma direi che non vedo prolassi esterni.
Ogni tanto sciacquo con acqua tiepida, mentre mattina e sera appunto utilizzo Fisian detergente.
Vorrei chiedere, gentilmente, se Rectoreparil possa aver peggiorato la situazione e se c'è qualcosa che momentaneamente potrei fare, nell'attesa e speranza che possa decorrere spontaneamente.
Grazie mille

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, la malattia emorroidaria è una malattia evolutiva e quindi la situazione precedente è molto probabilmente diversa dall'attuale. Una visita proctologia a questo punto diventa necessaria. Il prurito è un sintomo compreso nella sindrome emorroidaria, comunque se non ha sanguinamenti e non avverte prolasso, mentre le sembra che da quando ha applicato la crema è cominciato il prurito sospenda pure l'applicazione in attesa della visita.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore,
la ringrazio per la gentile risposta.
Nell'attesa che mi diano un appuntamento per la visita, c'è qualcosa che potrei intanto fare non per la zona emorroidale, ovviamente, ma per la zona irritata (quasi "cotta") perianale?
Può essere che l'irritazione sia dovuta a dette secrezioni anali?
Potrei utilizzare qualche pomata che non vada ad inficiare con il problema emorroidale, per prevenire eventuali infezioni quantomeno in quella zona e lenire il fastidio? Esempio, la nota "gentalyn beta" è utilizzabile senza fare danni al problema emoirroidale? Oppure potrebbe causare qualche problema?
Nel caso, c'è qualche soluzione anche "naturale" per alleviare questa irritazione e far si che non peggiori?
Grazie anticipatamente per le gentili risposte.

[#3]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
No non sapendo la causa l’unica cosa che può fare è bidè frequenti, non metta creme che potrebbero peggiorare la situazione in attesa della visita.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno
grazie ancora molto per la gentile risposta.
Volevo intanto comunicare che ho ricevuto appuntamento per la visita lunedi prossimo. Nel frattempo, vorrei aggiornare sulla situazione:
il fastidio ed il prurito sono nettamente migliorati, seppur sia presente ancora il trombo, ma molto meno doloroso. Anche il fastidio generale è molto sopportabile rispetto ai giorni dietro. Sin dall'inizio del problema non ho mai riscontrato sanguinamenti (neanche durante defecazioni); anche la secrezione di liquidi che avevo i primi giorni sembra non esserci più. Sicuramente i bidé frequenti (e un pò di "arieggiamento" per il fatto che comunque è una zona umida) hanno aiutato a lenire quel fastidio.
Da ieri mattina però, ho riscontrato un dolore inguinale, su tutte e due i lati. Ho provato a toccare i linfonodi, e non ho notato grandi rilievi ma un pò di dolore quando tocco c'è.
Vorrei chiedere ma questa cosa può essere che sia collegata con il mio problema di emorroidi, oppure non c'entra nulla?
Grazie anticipatamente per le gentili risposte.

[#5]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Se avesse avvertito dei linfonodi avrei detto di sì, ma senza alcuna tumefazione direi di no.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#6] dopo  
Utente
MI scuso, ma non ho ben capito. Senza linfonodi non è legato alle emorroidi? O il contrario?
Grazie ancora.

[#7]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Senza linfonodi non è correlato
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza