Utente
Gentilissimi dottori,
per circa 4 anni ho sofferto di trombosi emorroidarie che si verificavano dapprima saltuariamente e poi quotidianamente accompagnate da un prolasso emorroidario di terzo grado.

Nel mese di giugno 2020 in seguito ad una visita specialistica mi è stato diagnosticato un ipertono anale e un voluminoso prolasso retto anale con emorroidi congeste.
Per tale motivo, come suggeritomi dal dottore, nel mese di luglio 2020 ho deciso di sottopormi ad intervento chirurgico con metodo S. T. A. R. R..
Nei primi 15/20 giorni successivi all’operazione ho riscontrato (come previsto) urgenza defecatoria subito dopo i pasti e dolori nella zona anale.

A distanza di circa un mese dall’intervento riscontravo soltanto un po’ di bruciore nella zona anale durante la defecazione.

Dopo circa due mesi è quasi sparito il bruciore ma da una settimana è comparsa una pallina di colore violaceo che mi causa fastidio/dolore durante la giornata che tanto mi ricorda i trombi che avevo prima dell’operazione e che al momento curo con l’applicazione due volte al giorno della pomata Proctolyn, 2 pillole al giorno di Daflon e stando attento all’alimentazione.

E’ possibile che si sia già verificata una recidiva a distanza di poco più di due mesi dall’operazione?

Ci tengo a precisare che non ho mai sofferto di stipsi in vita mia e che dopo l’operazione ho seguito alla lettera i suggerimenti del dottore per quanto riguarda i farmaci, l’alimentazione e lo stile di vita da tenere nel post operatorio e che seguo tutt’ora.

Sono molto scoraggiato. Speravo di risolvere con l’intervento che mi è costato tantissimo in termini di dolore, sofferenza, disagio e soldi.

Vi sarei molto grato se mi deste un vostro gradito parere.

Vi ringrazio.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Quello che riferisce potrebbe essere un ematoma perianale, questo spesso viene confuso con la trombosi del tessuto emorroidario.
Tale ematoma può verificarsi anche in coloro che non soffrono di problemi emorroidari.
A distanza non posso esserle di aiuto, con una visita chiarirà.
Se lo desidera ci tenga informati.
Cordiali saluti
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com