Utente 138XXX
Salve, ho un problema molto grave ed urgente!
ho sempre sofferto di dermatite atopica fin da bambina, ma oltre a creme cortisoniche non mi davano. l'anno scorso, quindi all'età di 19 anni,ho cambiato lavoro, e , al ritorno di un viaggio a capo verde, la malattia si è notevolmente riacutizzata. adesso, passato un anno,sono stata visitata da molti medici che le hanno provate tutte, ma veramente tutte: da cortisone per vena, a protoptic e creme così, da abbigliamento e tessuti antiacaro analisi allergologiche.. finchè sono arrivati ad un punto che vogliono farmi una biopsia della cute e procedere dopo con un ciclo di ciclosporina. ormai ho speso davvero un capitale e il mio stato psicologico per la mia malattia è davvero a terra. la pelle a volte sembra sistemarsi ma il problema è che IL PRURITO E' COSTANTE 24h su 24h e neanche gli antistaminici me lo riescono ad alleviare. sono arrivata ad un punto in cui la pelle comincia a farmi MALE nel vero senso della parola!!!! vi prego c'è qualcuno che può aiutarmi????!!!!
ps: riscontrata allergia ad acaro, cani,gatii e piante varie!!!! VALORE IGE OLTRE I 6000
ringrazio anticipatamente!!

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

comprendo il suo stato d'animo: leggendo il suo percorso si evince la strada che ha dovuto compiere.

Ad oggi la dermatite atopica può avvalersi di farmaci innovativi e di farmaci più classici (compresi quelli proposti) per miglirorare sensibilmente la situazione.

io sono fra quelli convinti che la diagnosi di dermatite atopica deve essere ben condotta e quando presenti forme miste (associazione con daitesi allergiche specifiche) queste dovrebbero essere curate selettivamente (ad esempiio vaccino per allergie respiratorie: acari, pollini, epiteli etc.)

spero che questo articolo personale le possa essere di ausilio e si ricordi che assieme al dermatologo riuscirà ad impostare la terapia immediata per migliorare da subito questa fase acuta.


http://www.latuapelle.org/rubriche/?art=1

cari saluti

Dott. LAINO, Roma
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 138XXX

grazie mille dottore.. secondo lei c'entra qualcosa il lavoro, o il fattore psicosomatico?
il corso che facio in palestra mi fa sudare molto e quando finisco i staccherei la pelle da quanto mi fa male!!! dovrei cambiarlo???

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
La risposta è seppure in liena teorica SI:

la sfera emozionale c'entra e non poco nella dermatite atopica.

di sicuro non c'entra la sfera emozionale con il sudore della palestra: è proprio il sudore e l'attività fisica ad essere fattori peggiorativi della dermatite atopica.

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#4] dopo  
Dr. Emanuele Di Pierri

24% attività
0% attualità
12% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
MARTINA FRANCA (TA)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
la sua patologia, e la sintomatologia che riferisce potrebbero trarre grande giovamento con sedute di fototerapia combinata UVA/UVB a banda stretta.
Cerchi un centro dermatologico che la pratica.
Cordialità
Dott. Emanuele  Di Pierri - Dermatologo e Dermochirurgo - Centro Medico Dermoestetica Laser - Taranto
www.dermoesteticalaser.it

[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Nel pieno rispetto del collega e seppur nel previsto utilizzo di alcuni schemi terapeutici con fototerapia, non concordo con una determinazione terapeutica da una sede telematica:

A mio avviso e ribadisco nel pieno rispetto delle opinioni altrui, non si dovrebbe cercare "centro dermatologico che la pratica" ma si deve ricercare assieme al dermatologo, la diagnosi corretta (le dermatiti atopiche sono diverse e dissimili secondo schemi ed algoritmi internazionalmente condivisi).
da cui scaturirà la terapia idonea.

carissimi saluti

Dott. LAINO, Roma
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#6] dopo  
Utente 138XXX

grazie intanto di aver letto la mia richiesta di "aiuto"!!! proprio questa sera devo sentire il mio dermatologo che deciderà se farmi fare la biopsia della cute o iniziare il ciclo di ciclosporina (a cui lui sarebbe più propenso). mi ha inoltre detto che potrebbe essere un ciclo molto impegnativo.. cioè? che effetti può portare sul fisico e sul lato psico-emotivo?
il bello è che non è sicuro che il mio problema possa alleviarsi , o quanto meno alleviare il prurito che è il punto cruciale!!!!

[#7] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Direi che sta già facendo la cosa migliore affidandosi al dermatologo: una prescizione come la ciclosporina, ha indicazioni in caso di dermatite atopica di grado severo : da qui non possiamo andare oltre;

il consenso informato alla sua terapia dovrà per forza di cose essere comunicatole dal suo specialista che saprà secondo scienza e coscienza come impostare al meglio il percorso.

carissimi saluti

Dott LAINO, Roma

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it