Utente 151XXX
Salve, sono una ragazza di 20 anni, non ho mai avuto problemi di acne in precedenza e ho avuto sempre una pelle tendente al secco. Cinque mesi fa improvvisamente mi sono riempita di comedoni sottopelle nella parte bassa della faccia...ai lati del mento. Il dermatologo mi ha prescritto Azexidine (pomata a base di acido azelaic, che ancora sto usando) e un gommage da fare due volte al giorno. Nel corso di questi mesi i comedoni sono usciti fuori (tral'altro lasciandomi macchie post brufolo),anche se nonostante le cure, se ne continua a riformare qualcuno. Il mio dermatologo non si è mai pronunciato sulla causa di quest'acne comedonica improvvisa e questo cambiamento radicale della natura della mia pelle (nn solo comedoni sotto pelle ma numerossissimi pnti neri e pori dilatati), ha solo dato in parte la colpa ad un' abuso di cosmetici da parte mia in questi anni, le cui polveri avrebbero per l'appunto contribuito ad ostruire i pori. In tutti questi mesi ho provato a non truccarmi più con scarsi risultati, vista la ricomparsa sporadica dei comedoni sotto pelle e punti neri. Sotto consiglio della mia ginecologa ho effettuato un'ecografia da cui è risultato l'ASPETTO micropolicistico di una delle ovaie, mi è stata prescritta una pillola anticoncezionale a basso dosaggio contenente estrogeno e progestinico, che assumo già da due mesi. Anche la mia ginecologa non si è pronunciata sulle probabili motivazioni della mia acne (ha solo detto che l'ecografia non aveva rivelato niente a riguardo,in quanto l'aspetto micropolicistico deriverebbe solo da un accumulo di follicoli di ovuli sull'ovaio ), limitandosi a darmi la pillola. Volevo per questo un vostro parere a riguardo cosa ne pensate? Il problema è di natura ormonale? o mi sto prendendo la pillola inutilmente?? I cosmetici che parte hanno in questa vicenda, vista la ricomparsa diradata di altri comedoni sotto pelle nonostante non mi trucchi più da mesi? Come è possibile che sia cambiata in questo modo la natura della mia pelle?
Aspetto con fiducia una vostra risposta

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
il preblema che ci è composito, pèerchè va valutato sotto vari aspetti: quello della obiettività clinica anzitutto, poi della gestione della cosmesi, del quadro ormonale.
Lei dice che ora ha una comparsA SPORADICA di comedoni, quindi il miglioramento c'è stato, senza dubbio.
In una donna della sua età io tenderei a cercare di valutare tutto il pattern ormonale, non solo a vedere con un' ecografia se c'è un ovaio micropolicistico, mi sembra un approccio alquanto desueto. In realtà il quadro ormionale, se effettuato nel giusto momento del ciclo (fase follicolare precoce) ci dice molto di più dell'ecografia. Quindi: consulto da un ginecologo che faccia l'endocrinologia, sennò siamo daccapo. Non è infatti detto che la pillola sia la soluzione ai suoi eventuali problemi ormonali.
C'è poi la terapia, che si basa, a prescindere dal succitato possibile problema ormonale, su topici che regolino la presenza o meno la cheratinizzazione del foilicolo pilifero, la seborrea, ecc. E' atutt'oggi possibile una ampia gradazione degli effetti che si vogliono ottenere, in quanto ci sono numerosissimi farmaci topici che possono essere utili alla bisogna. Un posto importante, infine, spetta all'utilizzo dei cosmetici, che dovrebbero esserle suggeriti dal suo dermatologo tra quelli adatti al suo problema cutaneo.
Come vde il quadro è complesso, ma ogni cosa abbia detto non può assolutamente prescindere dall'esame dermatologico diretto.
Sperando di esserle stato in qualche modo d'aiuto,

saluti
Mocci

Luigi Mocci MD

[#2] dopo  
Utente 151XXX

Grazie mille per la sua risposta accurata, nella mia lettera precedente non facevo accenno a nessun miglioramento legato alla sporadicità della comparsa dei comedoni, perchè sinceramente mi aspettavo non ne comparissero più, viste le cure locali e la pillola...come le ho detto è la prima volta che mi trovo ad avere a che fare con l'acne (non sapevo neanche dell'esistenza di comedoni chiusi!), per cui ne so poco e niente riguardo il decorso della malattia una volta dalla sua comparsa. Quando fa riferimento ad eventuali indagini più accurate da parte di un ginecologo, lei da dermatologo cosa suggerirebbe? esami ormonali più mirati come i dosaggi?...grazie ancora.

[#3] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Sono abituato a collaborare coi ginecologi quindi so un pochino quali tipi di esame chiedere, ma riterrei più giusto andare in una ginecologia presso l'ambulatorio ginecologico. Sicuramente i dosaggi ormonali eseguiti correttamente danno un sacco di informazioni utili a valutare ciò di cui parliamo.

Un saluto

Mocci
Luigi Mocci MD