Utente 170XXX
Salve gentili dottori sono un ragazzo di 23 anni, dopo una settimana da un rapporto con la mia ragazza senza precauzioni(nn è la prima volta, ma nn avevo mai avuto problemi finora)ho riscontrato il mio pene arrossato con forte prurito.Dopo un paio di giorni son andato dal medico curante che mi ha prescritto pevisone latte...dopo due giorni sembrava essere passato ma poi ho riscontrato ancora una volta lo stesso rossore.Ho continuato ad applicare per alcuni giorni ancora pevisone ma la situazione non è piu migliorata il prurio non cè piu ma cè ancora rossore del glande e senso di secchezza della pelle.Anzi dopo qualke giorno si è formata una specie di irritazione dermatite lungo le fessure dell'inguine e sull'osso sacro, inoltre la pelle ke ricopre l'asta del pene e lo scroto sembra desquamata come la muta di un serpente diciamo! quacuno mi sa dare un consiglio?

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

Sicuramente, quando ci si riolge al di fuori dell'area Specialistica Venereologica per questi problemi (spesso il primo riferimento è con il medico di famiglia), quasi costantemente la prima impostazion terapeutica volge nei confronti delle terapie antimicotiche.

Purtroppo però - e questo rende evidente la mia asserzione generale e comunque non vincolante nella sede telematica - accade che il problema delle balanopostiti / balaniti (quando si parla di connessioni infettive e sessaulmente trasmissibili) è causata da cause spesso multi-fattoriali (legga se vorrà il mio articolo sulle balanopostiti / balaniti ):

http://www.latuapelle.org/rubriche/?art=15

Si astenge da ulteriori terapie (fai da te) e si rivolga se il sintomo persiste al Venereologo per chiarire da subito la sua situazione.

Cari saluti

Dott. LAINO, Roma
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it