Utente 177XXX
Spett.le dottore

Da molti mesi soffro di un fastidioso problema -urinazione frequente bruciore sostanze bianche attaccate al glande. Il dermatologo inizialmente ha riscontrato una balanite da candida e mi ha prescritto DIFLUCAN 2 compresse da prendere in una settimana e Pevisone, lavaggio con Eubos. Il problema non si è risolto. Ho quindi consultato un urologo,ed a seguito di tampone balano-prepuziale e spermiogramma è risultato staphilococco epidermidis ed escherichia coli. Mi ha prescritto Ciproxin per 15 giorni e lavaggio con Fisian, Topster supposte. Il batterio non è morto. A distanza di un mese, ripetuto il tampone -esito Esherichia Coli- mi ha prescritto Bactrim, Acidif e Prostil D7 per 20 giorni, Topster supposte e lavaggio con Eubos. Ho finito la cura da 3 giorni, ma oggi mi sono accorto che ho di nuovo il glande pieno di questa sostanza bianca, tipo panna ... e nuovamente bruciore e urinazione frequente. Inizio ad essere disperato ... il glande è rossissimo pieno di questa cosa bianca e brucio, oltre ad urinare ogni mezzora. Esiste una cura per uccidere questo parassita-batterio ? Lo lavo ma nell'arco di 12 ore la sostanza si riforma ... Considerato che Ciproxin Bactrim e Acidif si sono rivelati inefficaci, esiste una cura ? A che tipo di specialista mi posso rivolgere considerato che dermatologo-venereologo e urologo non trovano una soluzione ?

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Beh, di sicuro un bel cocktal terapeutico (sicuramente prescritto con scienza e coscienza ed in base alla storia clinica).

Se ad oggi però permane o si è ripresentata una teorica balanopostite/balanite di natura da determinare ( http://www.latuapelle.org/rubriche/?art=15 ), bisogna resettare il passato e procedere con una diagnosi molto accurata del suo problema, prima di cominciare una nuova terapia.


Cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 177XXX

La ringrazio per aver risposto ... Ma considerato che la diagnosi effettuata è probabilmente corretta: Escherichia Coli allo sperma e nel glande ... (derivante da esito esame: tampone e spermiogramma) che tipo di terapia potrebbe essere adottata (previo nuovo consulto con urologo o dermatologo di fiducia)visto che ciproxin - bactrim - acidif si sono rivelati inefficaci - ? Ho letto su internet di farmaci di 2 impiego quali ad esempio la tobramicina ... Che tipo di trattamento locale, cioè sul galnde, potrebbe essere opportuno per limitare l'aderenza di questo batterio, che spesso sembra essere resistente al lavaggio, devo cioe strofinarlo per riuscire a fare staccare la sostanza bianca ... Tale aderenza potrebbe essere legata anche ad altro batterio o virus non individuato ? E' suggeribile fare altri tipi di esame oltre allo spermiogramma ed il tampone balano.prepuziale ?


[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

mi pare ci sia un poco di confusione:

1. non sempre quell'agente infettivo causa una patologia

2. l'agente infettivo deve essere correlato conun quadro clinico ben preciso

3. le terapie non si fanno a caso ma seguono un preciso esame che si chiama antibiogramma (le resistenze di questi batteri ormai sono elevatissime)

4. il tampone dovrebbe essere sempre condotto dal Venereologo perchè è lui a sapere quali sono le zone interessate dal prelievo.

cari saluti

Dott. LAINO, Roma
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it