Utente 152XXX
Buongiorno, vi espongo il mio caso. Nel mese di marzo 2010 mi è stato diagnosticato un Herpes Simplex al pene. Le ulcere rimasero presenti per una ventina di giorni in totale anche a causa di un inizio ritardato della cura dovuta ad una diagnosi errata del medico di famiglia (poi corretta da uno specialista in ospedale). Questa prima manifestazione fu violentissima con anche febbre alta, tosse e altri problemi collaterali. Le ulcere erano numerosissime, tanto da stupire persino la dottoressa specialista. Una volta iniziata la cura (Famvir 250, 2 compresse al giorno) tempo 5-6 giorni e passò tutto. Arrivato a fine ottobre ho notato il riaffiorare di una singola ulcera sul pene, senza però nessun altro sintomo o problema di salute. Su indicazione del medico di famiglia ho riiniziato a prendere Famvir 250 come in precedenza ma questa volta sembra non avere effetto. Continuo ad avere questa herpes sul pene e l'unico cambiamento rispetto ai primi giorni è che se per una giornata non lavo la parte interessata si forma, sopra l'area dell'herpes, una patina bianca simile a quella che si era creata in marzo i giorni prima di guarire. La cosa che mi lascia interdetto non è tanto il ripresentarsi del problema dato che sono a conoscenza della reciditività, quanto l'assenza totale di sintomi e la inefficacia della cura che in precedenza ha invece avuto un effetto velocissimo e su una quantità di herpes ben maggiore.
Ringrazio anticipatamente gli specialisti che vorranno intervenire per provare a spiegarmi la situazione.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
La descrizione del suo caso pone dubbi su una sovrainfezione o su una dermatosi genitale: chiarisca con il suo venereologo il problema senza applicare nulla preventivamente

Dott. Laino, Roma
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 152XXX

Mi son fatto visitare da un dermatologo dell'ospedale e ho effettuato gli esami del sangue, dei quali attendo il risultato. Il dermatologo esclude un caso di reciditività da herpes ma non si è sbilanciato su nulla prima di avere i risultati degli esami del sangue. Ad oggi compare una chiazza rosso vivo come se fosse la bruciatura di una sigaretta, perfettamente circolare con un diametro di circa mezzo cm. Continuo a non avere il minimo sintomo e a godere di ottima salute, non sento neanche una sensibilità maggiore o minore nella zona interessata, solo che sto iniziando a preoccuparmi un pò perchè è evidente che ci sia qualcosa che non va.