Utente 679XXX
Gent.le Dott., la rigrazio per il tempo che vorrà dedicarmi. Mia figlia alla nascita presentava:capillari visibili e piccole macchioline rosse sulla palpebra sinistra,macchia rossa dietro la nuca, puntini rossi tra gli occhi,tutti diagnosticati come angiomi"normali".Oggi la bimba ha 2 mesi e le macchie in mezzo agli occhi sono sbiadite,mentre la macchia sulla nuca no. il problema ora è la palpebra destra che da due settimane a questa parte ha cominciato a presentare un piccolo rigonfiamento violaceo all'interno dell'occhio e sotto il sopracciglio( tanto da sembrare un livido)che rende più chiuso l'occhio.I capillari evidenti ci sono tutt'ora.sono stata da un oculista e dall'ecografia si evince che sotto non c'è niente e che l'occhio è pulito.Mi hanno parlato di una ptosi lieve che in 6 mesi andrà via.quello che le chiedo è come comportarsi ora,visto che il rigonfiamento chiude lievemente l'occhio.può peggiorare fino a chiudere ancora di più l'occhio?si guarisce?ci sono terapie da poter fare in questa fase?Chi è lo specialista a cui posso rivolgermi?L'angiologo, il dermatologo?qui tutti dicono che passerà da solo ma la mia preoccupazione è tanta e vorrei approfondire. grazie infinite, di cuore

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

qualcosa non torna dal suo racconto: una ptosi temporanea non ha in sè un rigonfiamento palpebrale ma solo un abbassamento della palpebra superiore.

Se lei avverte che ci sia un rigonfiamento associato o meno ad altre lesioni o chiazze direi che la visita dermatologica sia molto utile.

La produca con fiucia.

cari saluti
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 679XXX

Gent.le Dott. Laino, grazie per la veloce risposta.
Posso dirle che il termine "ptosi" è stato usato in sede di ecografia,probabilmente senza troppo peso, tanto che ieri il mio oculista ha ribadito che non si tratta di ptosi poichè la stessa ha altre manifestazioni sulla palpebra.La bimba presenta solo questo gonfiore violaceo, più presente la sera ( la mattina è quasi assente) e dei capillari evidenti sulla palpebra destra.Quindi lei mi dice che lo specialista è il dermatologo, seguirò il suo consiglio.Ma nel frattempo non può dirmi come, in genere , si evolvono queste cose? Guarirà? diventerà più grande?Grazie ancora,ma sono una mamma preoccupata...

[#3] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
0% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2000
Gentilissima Utente,
è importante capire bene di che cosa si tratti ed avere una diagnosi precisa. Se si tratta di un angioma piano, meglio definito come malformazione capillare piana, questa non potrà regredire nel tempo ma rimarrà stabile. Se si tratta di un angioma capillare immaturo al contrario di solito regredisce spontaneamente in 5-6 anni dopo una iniziale crescita tumultuosa. Se questa crescita nel suo caso dovesse impedire una normale visione stereoscopica per il rigonfiamento palpebrale, è allora necessario intervenire immediatamente con trattamento farmacologico (cortisone o meglio propranololo) oppure mediante intervento chirurgico.
Deve rivolgersi ad un centro esperto in dermatologia pediatrica.
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#4] dopo  
Utente 679XXX

Salve, ho consultato un pediatra, due oculisti,un medico generico e in ultimo un dermatologo pediatra e tutti mi hanno parlato di un "angiometto" di poco conto, di dimensioni ridotte che si assorbirà nei primi mesi di vita della bambina.Mi hanno prescritto una pomata cortisonica da applicare quando il gonfiore appare più infiammato ( la mattina è completamente inesistente). La crema è la Locoidon e per quanto riguarda i trattamenti tutti mi hanno parlato nella impossibilità di eseguirli ora che la bambina ha due mesi.
diversi dottori, specialisti, mi hanno detto che l'attendismo è la migliore politica sanitaria...per ora il gonfiore non ha pregiudicato la vista..devo sperare che con l'inizio del 3 mese cominci la fase involutiva dell'angioma?
in poche parole mi hanno rassicurata tutti, sia i dottori che l'hanno vista sia quelli a cui ho descritto la situazione...
Mi chiedevo se devo fermarmi con le visite....
se applicare questa cremina cortisonica alla bambina può nuocerle in qualche modo....e se no per quanto tempo posso portare avanti questo trattamento.
Grazie infinite

[#5] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
0% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2000
Sì, si deve fermare perché la situazione mi pare sufficientemente chiara. Può applicare tranquillamente la crema prescrittale seguendo le indicazioni del dermatologo.
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#6] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile signora

Non vedo motivo di allarmismi!

Serenità e vedrà che anche la fase pseudo edematica si risolverà presto.

Saluti
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#7] dopo  
Utente 679XXX

Grazie infinite a voi, gentilissimi dottori.
Vi terrò informati sull'evoluzione, spero veloce e positiva, della situazione...
Buon lavoro e ancora grazie

[#8] dopo  
Utente 679XXX

Gentilissimi dottori, dopo la visita con la dermatologa che mi ha prescritto la Locoidon mattina e sera sono stata dalla pediatra. La stessa mi ha consigliato di non applicarla questa crema al cortisone, perchè la bimba, che ora ha 9 settimane di vita, potrebbe portarsela con le manine in bocca o negli occhi....
Non so cosa fare ora....è davvero pericoloso se questo accadesse? e poi, dovendo applicare la crema sulla palpebra, non ci sono rischi dopo l'assorbimento per l'occhietto sottostante?
un'altra domanda...leggo dalle indicazioni che la Locoidon è usata per dermatiti, ecc. e mi chiedo che effetti possa avere su un problema che a quanto pare è dei capillari e cmq venoso...è giusta come terapia?
Grazie infinite e scusatemi ma ho davvero bisogno di sapere cosa ne pensate...resto ferma fino ad allora ( intanto il gonfiore cresce e l'occhietto è sempre più chiuso).Grazie ancora

[#9] dopo  
Utente 679XXX

Ho letto che i cicli di cortisone possono interferire con i vaccini,rendendone vano l'effetto: vale anche per la crema che dovrei applicare io alla bimba, la LOCOIDON?
Ho notato che questi capillari e questa macchia livida e rigonfia si esalta di colore e volume quando la bimba piange di più durante il giorno.
in ultimo, un favore se possibile...potrei mandarvi la foto della bambina cosicchè possiate darmi la conferma che ciò che mi è stato detto dai dottori qui è giusto?
se si dove la invio?
ho letto di angiomi rilevati e non è quello che ha mia figlia e neanche la classica macchia di fragola.
è come se avesse preso una botta e si fosse formato un bernoccolo sottocutaneo morbido e livido.
Sono mortificata per il disturbo che posso arrecarvi ma sono davvero preoccupata.Grazie di cuore

[#10] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
0% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2000
Cara mamma,
mi metto nei suoi panni e capisco che ha avuto due notizie contrastanti da parte di due professionisti. Questa non è effettivamente una buona cosa. A distanza e senza aver visto il caso non posso nè devo permettermi di prendere le parti di una o dell'altra sponda. In termini puramente generali le ribadisco che se si dovesse trattare di un angioma capillare immaturo sarà destinato alla regresione spontanea in 5-6 anni dopo una iniziale crescita tumultuosa. Se questa crescita impedisce una normale visione stereoscopica è obbligatorio intervenire al più presto con trattamento farmacologico (cortisone o meglio propranololo) oppure con intervento chirurgico.
La pomata serve a poco, tuttavia non mi pare possa essere così dannosa. Chi la ritiene tale deve però anche dare alternative.
Rinnovo l'invito ad una visita presso un centro od un professionista esperto in dermatologia pediatrica.
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#11] dopo  
Utente 679XXX

Gentile dottor Brunelli, le scrivo per dirle che l'oculista mi ha sostituito la LOCOIDON con la Tobradex pomata con la seguente posologia: 1 volta al giorno per 7 giorni, a giorni alternati per 7 giorni e 1 giorno si e 3 no per altri sette giorni.Ho applicato la crema per 3 sere e la palpebra sembra meno rossa-violacea e il rigonfiamento sembra più lieve.Quello che le chiedo è se questa Tobradex è indicata nel caso di angiomi sottocutanei come quelli di mia figlia.
Inoltre, può esistere qualche rischio per una bimba così piccola?
è daccordo con la posologia?
La prego, mi aiuti.
Grazie infinite

[#12] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
0% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2000
Direi che non discuto la prescrizione del Collega oculista. Il tobradex è come il locoidon (cortisone) con aggiunta di antibiotico e formulato specificatamente per l'applicazione oculare o perioculare. le rinnovo poi l'invito a contattare anche un centro esperto in dermatologia pediatrica.
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena