Utente 555XXX
al inizio di novembre ho preso per 4gg augumentin per febbre alta e placche alla gola. Dopo questo periodo la febbre insisteva così il mio medico mi ha fatto sostituire l'augumentin con Veclam da 500 dopo 3 gg di cura la febbre non scendeva e cosi il medico ha optato per il ricovero dove hanno sostituito il veclam con levofloxacina da 500 e il giorno dopo la febbre è scesa. La lettera di dimissione dice Ricovero per sospetta infezione dei monconi tonsillari. elettrocardiogramma nella norma esami eseguiti: (quelli non seguiti da valori sono nella norma) emocromo, protidemia, quadro elettroforetico Alfadueglobuline 17.2% glicemia azotemia creatininemia colesterolo HLD LDL uricemia GOT GOT GGT ALP bilurubina totale calcemia colinesterasi amilasi sodi potassio, VES 34, pcr 10.6mg% TAOS 274 UI% antigeni urinari di pneumococo legionella esami urine standard urinocultura emoglobinuria tampone faringeo RX torace ecografia addominale modesto aumento di volume del fegato a normale ecostruttura. A fine dicembre ho riavuto un episodio febbrile e di nuovo placche tonsillari e linfonodi ingrossati. Il mio medico ha deciso di somministrarmi cefpodoxima da 200mg per 10 giorni. Dopo 7 giorni dalla fine degli antibiotici avevo Pcr 0,10mg% Taos 252 UI% Mucoproteine 139 VES 5 e una ecografia al collo fatta dopo 15gg dalla fine del antibiotico mostra "linfonodi bilateralmente ovolari di varie dimensioni a carattere reattvo, per la presenza di ilo centrale ipercogeno o di vascolarizzazione ilare all'indagine color-doppler, in sede laterocervicale profonda e a livello di entrambi gli angoli mandibolari. ghiandole salivari tiroide hanno normale ecostruttura ecogenicità e dimensione; non si apprezano lesioni focali. Dopo tele esame il mio medico ha deciso di farmi fare ogni 21 giorni diaminocillina da 12000000 fino a marzo. Cercando in internet sono arrivato a una probabile sifilide. io non ho notato altre alterazioni a parte mal di testa e debolezza fisica e naturalmente dolori al collo. Cosa ne pensate che devo fare?

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
SANTARCANGELO DI ROMAGNA (RN)
FANO (PU)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2000
Gentile Utente non ci sono i presupposti secondo quello che ha raccontato per diagnosticare una sifilide,comunque se vuole potrebbe esguire almeno una VDRL ed un TPHA.Prenda sempre con le molle, le ricerche su internet che per la maggior parte dei casi portano a confusione ed ansie, soprattutto in un campo complicato come quello medico.Naturalmente una visita dermatologica è d'uopo per avere tutti i chiarimenti possibili
Saluti
Alessandro Benini
Dr.Alessandro Benini
Dirigente Medico Centro Grandi Ustionati
Osp."M.Bufalini" Cesena

[#2] dopo  
Utente 555XXX

può darmi qualche dritta su chi rivolgermi nella zona di Perugia o Arezzo? la ringrazio

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Benini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
SANTARCANGELO DI ROMAGNA (RN)
FANO (PU)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2000
Gentile Utente secondo le linee guida adottate da questo sito non possiamo fare nomi di colleghi,secondo il mio parere non avrà difficoltà nel trovarne bravi, rivolgendosi alle strutture pubbliche presenti nella sua bella zona.
Di nuovo saluti
Dr.Alessandro Benini
Dirigente Medico Centro Grandi Ustionati
Osp."M.Bufalini" Cesena

[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Anche il suo medico potrà consigliarla e seguirla nella terapia come già sta facendo.

Fatto salvo che la Sifilide è solo una supposizione del tutto infondata.

cari saluti
Dott. Luigi Laino
ricercatore dermatologo, Roma

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it