Utente 288XXX
Salve
scrivo per un consulto su una possibile diagnosi di Morfea, o sclerodermia,localizzata nella parte destra dell'addome, che è stata diagnosticata a mia madre pochi giorni fa. La nostra specialista di fiducia le ha prescritto delle analisi del sangue "particolari" perché, inzialmente, pensava si trattasse di una malattia autoimmune:
C3
C4
ANA
ENA
Anti-DNA nativo
Scl -70
Jo - 1
Anti-borrelia IgG IgM

I risulati sono stati tutti quanti NEGATIVI.
Successivamente, la Dott.ssa, visitando mia madre per la prima volta, ha confermato la sua tesi, MORFEA. Per spazzare via ogni dubbio ha pensato di effettuare una biopsia della parte interessata. Se vi scrivo è perché ho dei dubbi riguardo la diagnosi, anche se siamo in attesa dei risultati della biopsia, vorrei sapere un parere di qualche altro specialista. Vi sareste comportati in questo modo? Grazie in anticipo. Arrivederci

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
la diagnosi di morfea è clinica e istologica (cioè fondata sull'aspetto macroscopico e microscopico delle lesioni). La negatività degli esami immunologici - pur trattandosi di una malattia a verosimile genesi autoimmune - non esclude tale diagnosi.
Gli approfondimenti ematochimici e strumentali servono per completare la valutazione e ad escludere un interessamento sistemico del processo patologico.
Saluti,
Dr. Francesco Marchi
Specialista in Allergologia e Immunologia Clinica

NB: il consulto on-line ha carattere puramente informativo