Utente 700XXX
salve gentili dottori, sono un ragazzo di 24 anni che ha registrato da circa 40 giorni un arrossamento del glande con conseguente secchezza e desquamazione della pelle. Ho applicato dapprima impacchi con acido borico sul glande per 10 gg con applicazione di paraffina liquida prima di dormire cosi come consigliato dal dermatologo. Alla successiva visita di cntrollo, dopo i 100 gg , il dermatologo mi ha rassicurato dicendomi che l'infezione da lui individuata (balanite) era terminata e consigliandomi di applicare ancora per due mesi la paraffina liquida sul glande.Per maggior sicurezza ho fatto una visita presso un andrologo che mi ha consigliato di fare lavaggi con BETADINE sapone liquido che cmq, essendo un disinfettante dovrebbe seccarmi ancora di piu la pelle. Il suo altro consiglio è stato di rimuovere il frenulo perche causa di infezioni , in quanto sotto di esso si accumulerebbero i batteri. Quest'ultima cosa mi ha lasciato molto perplesso visto la sua determinatezza nell' affermarla.Al momento non ho intenzione di effettuare questo intervento e chiedo consigli in emrito alla mia situazione. Il glande è secco e presenta tutt'ora desquamazioni.Inoltre volevo sapere quale fosse l'effetto della paraffina liquida, se è adatta ad idratare e se puo far male il suo utilizzo.
Grazie a coloro che mi risponderannno.
Ora il glandeè molto secco e desquamato e cio' mi preoccupa non molto.

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
SANTARCANGELO DI ROMAGNA (RN)
FANO (PU)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Utente si ridetermini con il proprio Dermatologo per inquadrare meglio il suo problema poichè balanite è termine assolutamente aspecifico,mentre va individuata la causa, magari facendo ricorso anche ad accertamenti.Al momento non applichi nulla.
Cari saluti
Dr.Alessandro Benini
Dirigente Medico Centro Grandi Ustionati
Osp."M.Bufalini" Cesena

[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

E' del tutto chiaro che siamo di fronte ad una situazione che merita attenzione specifica oltrechè una diagnosi corretta: riproceda la diagnosi Venerologica per comprendere con esattezza di cosa si stia parlando.

cari saluti

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#3] dopo  
Utente 700XXX

quindi è stato errato da parte mia rivolgermi all'andrologo? grazie

[#4] dopo  
Dr. Alessandro Benini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
SANTARCANGELO DI ROMAGNA (RN)
FANO (PU)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Lei non è incorso in alcun errore, manca solo la diagnosi(e non è poco!)
Cari saluti
Dr.Alessandro Benini
Dirigente Medico Centro Grandi Ustionati
Osp."M.Bufalini" Cesena

[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
io vado oltre: l'andrologo, NON è uno specialista in Dermatologia (malattie cutanee e mucosali esterne) e Venereologia (patologie della cute delle mucose genitali), ma solitamente uno speciaslita in Endocrinologia perfezionato in andrologia : pertanto il miglior indirizzo specialsitico, è e rimane per questi problemi quello dermatologico e venereologico e non quello andrologico, anche se nell'immaginario collettivo della popolazione generale l'andrologo dovrebbe svolgere anche i compiti specialsitici del Dermatologo Venereologo, ma questa indicazione non può essere valida, così come il dermatologo Veneroelogo non potrebbe surrogare le competenze andrologiche (valutazione della fertilità e problematiche erettili solo come esempio) di natura meramente endocrinologica.

ovvio che poi ogni medico secondo sua scienza e coscienza decide di affrontare (ne ha diritto) le competenze che ritiene più opportune, ma questa è un'altra storia.

Affermo questo, per il diritto di informazione sanitaria e per la vostra salute: la scelta ricade sempre e comunque sul paziente: scelta che però deve essere pienamente consapevole per essere il più possibile completa, Il nostro compito da tal sede è anche questo.

cari saluti

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#6] dopo  
Utente 700XXX

Allora ritorno dal mio dermatologo venerelogo anche se quando mi visita è molto veloce (sarà per la folla in sala d'attesa) ed effettua la sua diagnosi a vista, senz ausare lenti o strumenti qualsiasi, ne prendere campion di pelle. Non è cosi che dovrebbe fare o basta un semplice sguardo? Di lui mi fido perchèè mia ha curato l'acne in passato con buoni risultati ma eccelle perlopiù nei trattamenti estetici pur essendo un venereologo, non so quanta esperienza effettiva abbia in questo campo. Sto parlando del dottor FIORDALISI FRANCESCO nella zona di BARI. Potete indicarmene qualun'altro nella mia zona di buon livello e magari più specializzato nel campo di mio interesse? Grazie mille.