Utente 441XXX
Gentili dottori,
Da settembre 2015 ho riscontrato un problema di miniaturizzazione dei capelli, senza peró essere accompagnato da perdita. Mi recai subito da un dermatologo il quale diagnosticó un'alopecia androgenetica di grado primo. Terapia con minoxidil al 2%. Ho iniziato a febbraio 2016, da subito ho avuto una perdita consistente di capelli ma dopo circa 3 mesi hanno assunto un aspetto più gradevole e robusto. Ad oggi, dopo più di un anno di trattamento la situazione è rimasta pressochè invariata: i capelli sono rimasti come al terzo mese di trattamento (non come al loro naturale stato pre-alopecia, ma comunque non mi lamento), e la perdita di essi persiste:l. Non ho zone diradate o buchi in testa, continuo ad avere comunque parecchi capelli, ma continuo a perderli e non sono più migliorati dal terzo mese; azni, in certi periodi appaiono più rovinati e deboli. In famiglia NESSUN membro è calvo o con pochi capelli, al contrario abbiamo tutti un cuoio capelluto folto e robusto (tranne me, ormai).
Questa perdita puó essere ancora associata al farmaco? Potranno mogliorare ancora i miei capelli dopo un anno di trattamento o sarebbe meglio passare ad una concentrazione maggiore di minoxidil?
Vi ringrazio per le eventuali delucidazioni

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
In effetti una rivalutazione non sarebbe male , anche per eseguire una diagnostica quale videodermatoscopia , tricoscan ed ev.tricogramma e altro. La concentrazione al 2 è certamente valida ma abbastanza bassa, e non si può escludere che sia da incrementare , o che vi sia necessità di utilizzare anche altre sostanze adiuvanti ,magari in lozione galenica.
Preciso che il primo grado della scala di Hamilton testimonia una condizione parafisiologica in cui si trovano comunemente i maschi giovani adulti a causa degli effetti degli androgeni e non la considererei francamente patologica.
Anche il test genetico infatti si riferisce. per lo più , alla possibilità di sviluppare una AGA superiore al 3 grado della suddetta scala.
Cordialita Dott.G.Griselli
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)