Utente 131XXX
Gentili dottori, con la presente per richiedere il Vostro cortese supporto. Mi rendo conto che l'argomento indicato in oggetto è piuttosto ricorrente. Vi chiedo però gentilmente di analizzare il mio caso specifico. Ho avuto un rapporto sessuale occasionale, seppur protetto, con una persona a rischio. Ho avuto però contatto con la sua saliva nelle mie parti intime, sia pene che ano. In quest'ultimo anche in maniera piuttosto profonda. Farò il test, mi anticipate però cortesemente il grado di rischio che ho corso con questa attività? I miei dubbi sono: l'IHV può essere veicolato dalla saliva? L'anilingus, ed il sesso orale in genere non protetto, che grado di rischio hanno nella trasmissione dell'HIV?
Grazie a Tutti coloro che mi dedicheranno assistenza.

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
La saliva , pur potendo contenere pochissime particelle HIV, non trasmette il virus; il sesso orale non protetto rappresenta un rischio laddove siano presenti ferite sanguinanti

https://www.medicitalia.it/minforma/medicina-di-laboratorio/56-modalita-di-trasmissione-e-tests-diagnostici-per-hiv.html
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 131XXX

Gent.mo dott. Baraldi, La ringrazio per la Sua cortese e celere risposta. Avevo già letto i Suoi articoli interessantissimi ed esaustivi.
Il mio dubbio nasce dal fatto che, com'è noto, il canale anale si "presta" moltissimo, per caratteristiche, alla trasmissione del virus. Allora, pensando (purtroppo solo a priori) a questa saliva potenzialmente infetta nei pressi dell'ano ed all'interno del canale, non nascondo una preoccupazione latente che, cmq, mi porterà a fare il test fra tre mesi. Per il momento sono molto confortato dalle info rassicuranti di uno specialista come Lei.
La discriminante "ferite sanguinanti" resta cmq una discriminante difficilmente riscontrabile - a meno che non sia proprio evidenti all'interno della bocca ampie perdite di sangue. Credo proprio, cmq, non sia stato fortunamente il mio caso.
Cosa pensa del test dell'HIV fatto al tempo zero, dopo una sola settimana del rapporto potenzialmente a rischio? Lo ritiene inutile?
Ancora grazie

[#3]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Il test va fatto a 40 e 100 giorni, ad una settimana è troppo presto, anche se può dare qualche indicazione di massima
Un saluto

A. Baraldi

[#4] dopo  
Utente 131XXX

Grazie 1000 dottore,
ultimè curiosità:
- è vero che il virus "fuori dal corpo, muore dopo pochi secondi"?
- è vero che, al di là della bassa possibilità di trasmissione, il soggetto più esposto nell'anilingus è colui che lo pratica e non colui che lo riceve?
- quali sono le malattie più facilmente trasmettibili con l'anilingus passivo?

Molte grazie!

[#5]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
1) vive poco ma non possiamo dire quante ore o minuti o secondi

2) sì, ma non in maniera esclusiva

3) HIV e epatite ma sempre riguardo alla possibile presenza di ferite o microferite
Un saluto

A. Baraldi

[#6] dopo  
Utente 131XXX


grazie 1000 dottore.
Abche grazie alla Sua collaborazione questo sito/forum si rende sempre più importante ed efficiente.

Buona giornata e buon lavoro.