Utente 223XXX
salve.posso chiedervi di aiutarmi?
sono una ragazza di 24 anni,ho avuto anemia che era iniziata circa 3 mesi fa ..il medico mi aveva detto che era dovuta al ciclo mestruale troppo abbondante...e ho fatto cura assumendo il ferro.i globuli rossi ora sono nella norma,ma mi sono venuti un sacco di problemi che prima non avevo.tutti i giorni faccio fatica a respirare,sopratutto prima di addormentarmi..e non sento più gli arti.poi tutti i giorni sono stanchissima e ho la tachicardia che viene molto di frequente,ogni ora circa..sono sempre stata in salute e non ho mai avuto queste cose..come dovrei comportarmi ora?che cosa potrei fare per migliorare il mio stato attuale?ci sono i rimedi naturali che possono risolvere tutti questi sintomi oppure devo rivolgermi a qualche specialista?..e poi mi è venuto il dubbio..ma ho avuto solo anemia o è altro?magari per questo ho altri sintomi ora?..non sto capendo più nulla..
vi ringrazio in anticipo per la vostra gentile risposta.

[#1]  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
il consiglio in questi casi è di farsi rivalutare dal medico curante, che saprà darLe tutte le indicazioni del caso. Come pensare ai rimedi se non si chiarisce prima l'origine dei disturbi?
Saluti,

[#2] dopo  
Utente 223XXX

caro dottore,la ringrazio molto della sua risposta..La consulenza con il mio medico di base non mi aveva dato alcuna soluzione perchè il medico non ha valutato come "grave"mio stato attuale.. in quanto avendomi controllato i valori del sangue risultavano nella norma e la pressione arteriosa pure nella norma..quindi secondo lui la tachicardia e altri malesseri erano conseguenza di pressione di natura psicologica subita durante questo periodo.quindi io continuo ad avere quelle cose senza sapere come comportarmi.potrebbe aiutarmi con un consiglio?come dovrei comportarmi ora?..
....la ringrazio di nuovo e i miei distinti saluti!

[#3]  
156628

Cancellato nel 2015
Se il Suo curante ha escluso una patologia organica (valutando nel complesso ma compiutamente, immagino, la situazione cardio-polmonare), non vedo perché dovrebbe dubitarne. Può però, eventualmente, chiedergli un supporto farmacologico per aiutarLa a passare questo momento.
Saluti,