Utente 843XXX
Buongiorno,
qualche anno fa ho interrotto la donazione del sangue in quanto, improvvisamente, il test relativo agli anticorpi per l'epatite C dava esito positivo (pur non essendo presente la malattia e pur non avendola sviluppata, come evidenziato dai risultati delle precedenti donazioni).
All'inizio di quest'anno ho approfittato di un controllo generale per rifare il test. Ancora positivo.
Io a questo punto mi pongo alcune domande:
1. Com'è possibile che abbia gli anticorpi se non ho mai sviluppato la malattia?
2. Ammesso che mia madre si ricordi bene e io sia stata vaccinata da piccola per l'epatite, come mai gli anticorpi sono comparsi solo a un certo punto e non sono stati una costante?
3. Non avendo documentazione comprovante la mia vaccinazione (unicamente la memoria di mia madre), esiste un modo per avere una sorta di "estratto" delle vaccinazioni che sono state fatte?
4. Qualora fossi stata effettivamente vaccinata, scoperta la causa della presenza degli anticorpi, potrei riprendere a donare il sangue?
5. Qualora non potessi dimostrare il fatto, la presenza degli anticorpi è effettivamente un elemento che mi impedisce di donare il sangue? O non avendo la malattia non è un problema.

Ringrazio in anticipo per le risposte.

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Rispondo per punti:

1 ) sarebbe da effettuare, nei soggetti che presentano anti-HCV con transaminasi normali , un test per la determinazione della viremia qualitativa, al fine di discriminare i veri portatori ( che sono soggetti viremici, HCV RNA positivi) dai soggetti HCV RNA negativi, non viremici e quindi potenzialmente guariti dalla infezione.

2) la vaccinazione che si fa nei bambini è quella per epatite B non per epatite C

3) Vedi punto 2

4) Nò, perchè esiste questa positiviità algli anticorpi ep C

5) A scopo precauzionale credo che non possa donare il sangue.

Un'ultima considerazione : esistono falsi positivi, cioè soggetti che si dimostrano positiva per un fenomeno di reattività crociata, cioè presenza di anticorpi simili a quelli del virus ep C ma non virali: A questo punto conta molto l'aspetto della viremia qualitativa

Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 843XXX

Grazie mille per la risposta e per la rapidità.