Utente 214XXX
Gentili Dottori,

I miei dati antropometrici (peso, altezza, età, sesso) sono a vostra disposizione, a questo posso aggiungere che ho uno stile di vita sano: faccio moltissimo sport, curo molto la mia alimentazione, non bevo e non fumo. In generale mi sento bene.

Ho appena ritirato le analisi del sangue che ho dovuto fare in preparazione di un intervento di idrocele programmato per fine Settembre (idrocele che sembra essere stato causato da una epididimite non curata cronicizzata anche se asintomatica) e queste riportano valori di globuli bianchi neutrofili, ematocrito e piastrine più bassi della norma.

Faccio un check up medico ogni anno e qui di seguito potete notare come i NEUTROFILI siano andati progressivamente a calare negli ultimi 3 anni.

A vostro parere è necessario approfondire e come?

Vi ringrazio moltissimo per i vostri pareri.

AGOSTO 2013:
Globuli bianchi: 3.7
Globuli rossi: 4.57
Ematocrito 39.6
Piastrine 136
NEUTROFILI 1.4 (%37,6)
Gli altri parametri sono nella norma

SETTEMBRE 2012:
Globuli bianchi: 4.5
Globuli rossi: 4.5
Ematocrito: 40.3
Piastrine 149
NEUTROFILI (%44)
Gli altri parametri erano nella norma

APRILE 2011:
Globuli bianchi: 4.9
Globuli rossi: 4.51
Ematocrito: 40
Piastrine: 168
NEUTROFILI (%52)
Gli altri parametri erano nella norma

Per favore fatemi sapere se necessitate di ulteriori dati per una valutazione.

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
i campioni del 2011 e del 2012 contano entrambi un numero di neutrofili nella norma per cui, se vogliamo, questa "tendenza a diminuire progressivamente" appare piuttosto una forzatura dettata dal fatto che nell'ultima occasione in effetti è stato rilevato un valore al di sotto del limite di riferimento. È opportuno inoltre precisare che - per valori come quello che ha riportato - l'essere sotto il limite di riferimento non significa automaticamente che si tratti di un dato particolarmente "anomalo": certo è diverso dai precedenti ma, per quanto sappiamo finora, non sembra il momento di preoccuparsi soprattutto in considerazione del fatto che Lei si sente bene e che la riduzione transitoria di una popolazione leucocitaria "sensibile" come i neutrofili rappresenta un evento relativamente frequente (e anche nel Suo caso una rondine non può fare primavera).
Ovviamente ulteriori elementi di rassicurazione possono essere ricercati con l'esame fisico ma questo purtroppo non è possibile con questi mezzi a disposizione ;-)
Molto probabilmente basterà ripetere un emocromo di controllo fra un mese per assistere ad una normalizzazione dei neutrofili (o comunque per vederli su valori più vicini alla "norma").
Ci aggiorni, se vuole.
Saluti,

[#2] dopo  
Utente 214XXX

Gentile Dr. Marchi,

La ringrazio molto per la risposta, che mi ha tranquillizzato, ed il tempo che mi ha dedicato.

Nell'ultimo anno ho fatto un uso prolungato e a dosaggi elevati di Echinacea, infatti quest'erba sembra che sia molto efficace su di me per prevenire e curare i tipici malanni invernali come raffreddori e mal di gola.

Ho fatto alcune ricerche ed ho trovato un articolo intitolato "Possible Leukopenia Associated with Long-term Use of Echinacea" di David Eric Kemp, MD and Kathleen N. Franco, MD (questo è il link diretto http://www.jabfp.com/content/15/5/417.full.pdf ).

Ho trovato una similitudine sorprendente tra questo caso ed il mio, infatti anch'io ho fatto un uso prolungato e quasi ininterrotto di Echinacea associata ad un integratore multivitaminico che prendo quotidianamente.

Nel momento in cui ho fatto l'ultimo esame avevo ripreso a prendere Echinacea da circa 5 giorni a dosaggi elevati.

Ho interrotto l'uso di Echinacea e credo che ripeterò le analisi tra 2 o 3 mesi per vedere se i valori si sono normalizzati.

Un saluto

[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
«Ho interrotto l'uso di Echinacea e credo che ripeterò le analisi tra 2 o 3 mesi per vedere se i valori si sono normalizzati»: va bene, ma tenga presente che nel Suo caso una eventuale normalizzazione del dato non costituirebbe comunque la prova di un nesso tra l'assunzione di echinacea e il decremento dei neutrofili.
Saluti,