Utente cancellato
Spett.li Dottori,
dopo 3-4 in cui soffro di vari sintomi(mal di testa cronico,stanchezza cronica,sciatalgia,dolori ai legamenti,gambe pesanti,spasmi muscolari, stato mentale sempre nervoso e ansioso) il mio medico di fiducia mi ha prescritto alcune analisi del sangue perchè mi ha diagnosticato una possibile fibromialgia. Di seguito vi sottopongo le analisi e vi chiedo se sono complete per diagnosticare tale patologia o quantomeno per diagnosticare o escludere altre patologie simili:

TRIGLICERIDI
FATTORE REUMATOIDE
TAS
GOT[S]
EMOCROMO:HB,GR,GB,HCT,PLT,IND.DERIV.,F. L
PROTEINA C REATTIVA (QUANTITATIVA)
GPT[S]
CREATININA
FERRO[S]
COLESTEROLO HDL
UREA
ESAME CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO DELLE URINE
COLESTEROLO TOTALE GLUCOSIO
VES

Aspetto vostre notizie cosi poi da farmi le ananlisi del sangue quanto prima.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Stella

32% attività
8% attualità
16% socialità
PADERNO DUGNANO (MI)
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
Buonasera,
Non esiste un esame diagnostico per la fibromialgia. La diagnosi è clinica e si basa sulla presenza di un certo numero di tender points (fusi muscolari dolenti alla palpazione).
La sintomatologia descritta appare piuttosto legata ad una situazione di ansia e stress cronico.
Il mio consiglio è quindi di trattare prioritariamente l'ansia e lo stress cronico anche perchè questo è utile per una eventuale fibromialgia.
Il metodo più efficace e dutaturo è il training autogeno o altra forma di meditazione che richiede un minimo di applicazione personale, sono utili anche gli antidepressivi di ultima generazione. Si ricordi che il mio suggerimento deve passare il vaglio del suo medico di Base che, se vuole, farà le prescrizioni
Dr. luigi stella
Specialista in Anestesia e Rianimazione - Terapia del dolore.
www.dolore-e-sollievo.eu
info@sollievo.center

[#2] dopo  
190463

dal 2014
Spett.le dottore,
il mio medico di base non solo conosce la mia storia clinica da anni ma mi ha anche visitato quindi non ha riscontrato nessuna patologia fisica causata da problemi psicologici. La mia non è una richiesta di consulto ma siccome sono una persona che in ambito medico è interessata a più informazioni da parte di diversi medici ho semplicemente richiesto se tali analisi sono sufficienti per escludere diverse patologie simili alla fibromialgia. Ho riscontrato sia dopo colloquio medico che su internet (nella quale molti specialisti parlano della fibromialgia) ch per diagnosticare tale patologia bisogna andare solo per esclusione di altre patologie simili. Allora io in modo più corretto le chiedo "Devo effettuare altre analisi oltre a quelle da me indicate( prescritte dal mio medico di base) che escludano o confermino altre patologie simili per sintomatologia alla fibromialgia?"

In attesa di un suo riscontro.

Distinti saluti.

[#3] dopo  
Dr. Luigi Stella

32% attività
8% attualità
16% socialità
PADERNO DUGNANO (MI)
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
Buonasera,
La fibromialgia non è una malattia causata da problemi psicologici, l'ansia e lo stress come ho tentato di descrivere in un blog che troverà su Medicitalia sono, se cronicamente presenti, una reale malattia somatica.
Mi occupo di fibromialgia da almeno 20 anni, quando se ne parlava solo in pochi "salotti" scientifici. La diagnosi non si effettua per ecslusione, ma con un attento e preciso esame obiettivo atto a mettere in luce i tender points che sono la base per affermare che si tratti di una reale fibromialgia.
Anche se scluse altre patologie di natura reumatica o muscolotendinea, questo non avvalora la diagnosi di fibromialgia che è una patologia ormai ben codificata.
Esegua quindi tranquillamente gli esami prescritti per escludere patologie di altra natura (infiammatoria, reumatica, degenerativa ecc.), ma se negativi automaticamente non vuol dire che è affetta da fibromialgia.
Da ultimo con 40 anni di esperienza in terapia del dolore posso affermare che le tecniche di rilassamento giovano in ogni forma di dolore (persino di origine oncologica) e in modo ancor più massicio nella fibromialgia e così anche i farmaci antidepressivi che modulano il dolore e quindi non sono prescritti perchè si ritiene che il paziente sia depresso (anche se nella fibromialgia ciò accade spesso).
Io ho espresso solamente un secondo parere come Lei desiderava, ovviamente Lei è libera di tenerne la considerazione che più le aggrada.

Cordiali saluti
Dr. luigi stella
Specialista in Anestesia e Rianimazione - Terapia del dolore.
www.dolore-e-sollievo.eu
info@sollievo.center

[#4] dopo  
190463

dal 2014
Spett.le dottore,
non era in mia intenzione in nessun modo andare oltre le conoscenze mediche di un professionista come lei. Volevo solo sapere come le indicavo prima se queste analisi andassero bene per escludere patologie con sintomatologia similare. Semmai dovessero dare esito positivo per patologie simili alla fibromialgia effettuerò tutte le cure del caso, nel caso contrario seguirò tutte i suoi consigli. Dottore mi perdoni, voglio fare mie la sua disponibilità e le sue conoscenze mediche chiedendole un ultimo quesito.

Nel mese di Luglio mi sono apparse delle macchie dietro alla schiena e sul petto che poi il medico di base ha diagnosticato come il "Fuoco di sant'antonio" e ho effettuato circa 15 giorni di Antivirale e, fortunatamente, le macchie sono scomparse. Dalla comparsa delle macchie a oggi i sintomi di dolore muscolare e stanchezza sono peggiorati. Che analisi del sangue devo effettuare per escludere nel mio organismo problemi causati ancora tutt'oggi da tale patologia.

[#5] dopo  
Dr. Luigi Stella

32% attività
8% attualità
16% socialità
PADERNO DUGNANO (MI)
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
Buonasera,
se le macchie che ha avuto e il fastidio/dolore che Lei sente decorrono lungo l'andamento di una o più coste la diagnosi di fuoco di S. Antonio e pressochè certa.
Il Virus Herpes Zoster, che è la causa della malattia ed anche della varicella, ha una distribuzione amplissima nella popolazione adulta.
La dimostrazione sierologica del virus quindi non dice nulla perchè sono tantissimi i portatori sani.
L'esame dirimente per dimostrare le lesioni prodotte dal virus nei nervi infettati è l'elettromiografia. Questo esame non è particolarmente indaginoso, ma un po' doloroso e non mi pare sia essenziale farlo. Facendo i dovuti scongiuri se il dolore non aumenta e diventa quindi necessaria una terapia, si può mettere il cuore in pace e dimenticare l'episodio. Il passaggio da portatore sano alla malattia avviene per una diminuzione delle capacità immunitarie in genere legate ad un trauma fisico o psichico (lutti, abbandoni, stress ecc) o all'uso di famaci immunosoppressori come i cortisonici.
Per quanto riguarda le scuse, non sono affatto dovute, il medico non deve bacchettare i pazienti, ma curali e se possibile guarirli.

Con affetto
Dr. luigi stella
Specialista in Anestesia e Rianimazione - Terapia del dolore.
www.dolore-e-sollievo.eu
info@sollievo.center