Utente 369XXX
Buongiorno e Buon Anno,
vorrei avere una delucidazione circa il seguente aspetto che, a mio parere, è un anomalia statistica. Cerco di essere estremamente sintetico:

---------------------------------------------------------------------------------------------------------
29/11/2013 Elettroforesi Proteica. Risultato:
Esile banda monoclonale in zona gamma 1,46 g/L
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
19/12/2013 Immuno fissazione. Risultato:
Negativa ricerca di bande monoclonali
---------------------------------------------------------------------------------------------------------

17/09/2014 Elettroforesi Proteica. Risultato:
Esile banda monoclonale in zona gamma 1,9 g/L
Immuno fissazione. Risultato:
Presenza banda monoclonale IGA-Kappa.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------
12/11/2014 Imuno fissazione Urinaria Negativa
Bence Jones Negativa
Kappa 6,69 Mg/L
Lambda 3,69 Mg/L
---------------------------------------------------------------------------------------------------------

La domanda è questa:
Come è possibile che l'elettroforesi proteica del 29/11/2013 è positiva (CM 1,46 g/L e (circa un mese dopo) l'immunofissazione del 19/12/2013 risulta negativa?
Dopo un anno risultano positive entrambe le analisi:
elettroforesi: 1,9g/L
Immunofissazione: presenza di IgA-Kappa.
mentre i test quantitativi urinari subito dopo sono negative per le catene K e Lambda.

Premetto che il laboratorio presso cui ho effettuato le analisi è lo stesso


Grazie

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Scrivano

24% attività
0% attualità
12% socialità
PALERMO (PA)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
l'immunofissazione, in generale, consiste in un'immunoprecipitazione con antisieri, eseguita per identificare la natura della banda monoclonale. La sensibilità dell'immunoprecipitazione è variabile, per ogni antisiero, in rapporto al kit utilizzato. Se la concentrazione della componente monoclonale è al di sotto della soglia di sensibilità del kit del relativo antisiero, è normale ottenere un falso negativo.

Se nella seconda determinazione la soglia di sensibilità è stata superata. è comparsa la positività.

Le catene leggere vengono in parte riassorbite a livello del tubulo prossimale renale; pertanto, divengono rilevabili nelle urine quando una certa soglia viene superata. Ed anche quando ciò avviene, resta valido il concetto della sensibilità del test.

Personalmente quindi non vedrei un'anomalia nei risultati da Lei proposti; forse però chi si occupa specificamente di queste problematiche potrà essere più chiaro ed esaustivo di me e/o esprimere un'opinione diversa.

Cordialità
dr Vincenzo Scrivano
ANGIOLOGO