Utente 412XXX
Buongiorno,
ho 38 anni, altezza 1.77, perso circa 77 kg, non fumatore, non bevo e pratico saltuariamente attività sportiva (palestra, trekking). Sono sempre stato in buona salute senza particolari problemi di salute. La scorsa settimana, in seguito ad un episodio di tachicardia, mi sono recato dal medico di famiglia che mi ha prescritto degli esami del sangue per controllare tiroide, glicemia ed emocromo.

Dai risultati è emersa una ipertiroidite con i seguenti valori:

S-Tiroxina libera (FT4): 18,64 pmol/L [7.00 - 15.35]
S-Tireotropina (TSH-R): 0,03 U/ml [0,40 - 4,20]

Il dottore mi ha prescritto 1,25 mg di Bisoprololo per la tachicardia e mi ha prescritto un nuovo prelievo per controllare gli anticorpi ricettori del TSH, anticorpi anti-tireoglobulina, anticorpi anti-tireoperossidasi, tireoglobulina. Al prelievo farà seguito una prima visita all'endocrinologo.

Il Bisoprololo ha fatto subito effetto sulla tachicardia che si è calmata, anche se avverto sempre il battito un po' più presente, specialmente quando sono a letto. Per ora non ho altri sintomi.

Questa mattina ho eseguito il prelievo per l'analisi degli anticorpi ma i risultati saranno disponibili tra un mese, all'ospedale mi hanno detto che sono tempi normali per questo tipo di esame.

Questa attesa mi preoccupa molto, io sono un tipo molto attivo, faccio molto trekking, specialmente in questo periodo, e viaggio ogni volta che posso, in particolare avrò un viaggio intercontinentale tra un paio di mesi, ho paura di avere problemi e ho paura che nell'attesa dell'esito degli esami i sintomi possano aggravarsi.

Il mio dottore mi ha detto di stare tranquillo, di continuare con la vita di sempre e che non c'è urgenza di effettuare cure. Ma io sono molto preoccupato del possibile aggravamento dei sintomi nelle prossime settimane.

Potrei procedere ugualmente alla visita all'endocrinologo anche se i risultati degli anticorpi non dovessero essere ancora pronti, per avere così un primo parere specialistico sul mio problema?

In base ai valori di TF4 e TSH che ho riportato, secondo voi il mio ipertiroidismo è lieve oppure importante? Si può aggravare?

Posso continuare a fare attività sportiva e a viaggiare oppure e meglio stare un po' a riposo?

A quali altri sintomi dovrei prestare particolare attenzione per capire se è in atto un aggravamento della situazione?

Mi potete consigliare un buon reparto di Endocrinologia a Milano?

Ringrazio anticipatamente per tutte le informazioni che vorrete darmi.

[#1] dopo  
Dr. Paola De Stefanis

24% attività
8% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2011
Salve,
Le consiglio di non aspettare i valori degli anticorpi perché, comunque, servono solo a dare un "nome" al suo ipertiroidismo, ma non cambiano l'orientamento terapeutico. Deve iniziare la terapia con farmaci anti-tiroidei (es. Tapazole) perché stare in ipertiroidismo può essere molto dannoso per molti organi, incluso il cuore.
A completamento degli esami le consiglio di effettuare un'ecografia tiroidea con color doppler ed una visita oculistica.
Cordiali Saluti
Paola De Stefanis
Dr. Paola De Stefanis

[#2] dopo  
Utente 412XXX

Gentile dott.ssa De Stefanis,

La ringrazio molto per la sua risposta.

Io sono sempre più agitato, in questi giorni ho una tosse secca e non capisco se è dovuta all'ansia oppure se può essere collegata all'ipertiroidismo, sento come un nodo al petto.
Ieri sera sono riuscito un po' a calmarmi e la tosse è sparita, anche oggi non sto tossendo e non avverto il nodo.

Adesso leggendo la sua risposta mi sto agitando nuovamente ma la ringrazio, a questo punto domani o al massimo lunedì prossimo procederò con il prenotare la visita endocrinologica a pagamento poiché con il SSN a Milano mi hanno dato la prima disponibilità a metà luglio.

Credo che poi sarà l'endocrinologo a prescrivermi l'ecografia e la visita oculistica, giusto?
Altrimenti come posso fare, visto che il mio medico liquida tutto come una tiroidite, dicendo che non c'è urgenza?

Ha qualche struttura da consigliarmi a Milano per la visita endocrinologia?

I valori delle mie analisi sono preoccupanti? Se dovessero passare altri giorni prima della visita è pericoloso?

Grazie per l'aiuto.

[#3] dopo  
Dr. Paola De Stefanis

24% attività
8% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2011
Salve,
Non mi viene in mente nessuna struttura da consigliarle a Milano, ma dubito fortemente che la sua tosse sia dovuta alla tiroide. Ci tengo a precisare che io le ho detto che è bene non aspettare, non ho assolutamente parlato di urgenza. Vada dall'endocrinologo e lui le dirà se fare anche ecografia e visita oculistica.
Cordiali Saluti
Paola De Stefanis
Dr. Paola De Stefanis

[#4] dopo  
Utente 412XXX

Gentile dott.ssa De Stefanis,

ho fissato privatamente una visita endocrinologica tra 10 giorni e aggiornerò questa discussione di conseguenza.

Nel frattempo la tosse si è calmata, credo proprio che fosse causata dall'ansia, non sono un tipo ansioso solitamente ma mi sono spaventato leggendo online tutte le cose relative ai problemi di tiroide. Adesso cerco di stare più tranquillo sperando che non sia nulla di eccessivamente grave.

La ringrazio nuovamente per la sua disponibilità.

Cordiali saluti

[#5] dopo  
Utente 412XXX

Gentili dottori,

Torno a distanza di tempo su questa discussione per un aggiornamento.

Il mio problema di ipertiroidismo si è risolto spontaneamente dopo un mese, senza ricorrere all'uso di medicinali specifici.

Gli anticorpi si sono rivelati tutti negativi, riporto qui di seguito i valori dello scorso maggio:

S-Ab anti Tireoglobulina (ATG) 0,30 [0-4.00]
S-Ab anti Tireoperossidasi (TPO) 7,50 [0-9.00]
S-Ab anti recettore TSH <0.20 [<1.8]
S-Tireoglobulina 17,38 [1.15-35.00]

In seguito ho ripetuto gli esami ematici, nel mese di giugno, che hanno riportato i seguenti valori:

S-Tireotropina (TSH) III gener. 3.85 [0.270-4.200]
S-Tiroxina libera (FT4) 11.6 [9.2-17.0]

Ho iniziato e sentirmi meglio ed ho sospeso gradualmente il Bisoprololo. Il medico mi ha anche prescritto una
visita cardiologica per sicurezza e tutto è risultato nella norma.

In seguito a questi esami la diagnosi dell'endocrinologo è stata: "verosimile tiroidite subacuta", e mi ha detto
di ripetere l'esame del TSH riflesso dopo 3-4 mesi.

Sono stato bene per tutta l'estate e la scorsa settimana ho ripetuto l'esame del TSH riflesso che ha riportato i seguenti valori:

S-Tireotropina reflex (TSH-R) 3,294 [0,40-4,20]

Adesso devo ancora vedere l'endocrinologo, ma nel frattempo sono a qui a chiedervi un parere su quale possa essere stata la causa di questo mio ipertirodismo.

Il fatto di aver avuto un episodio vuol dire che sono particolarmente soggetto e che mi potrebbe ricapitare?

Di solito quale può essere la causa scatenante?

Se si tratta di un virus, quale tipo di virus e come posso evitare di ricaderci?

Quali altre cause possono esserci? Lo stress può essere determinante?

Inoltre volevo anche chiedervi se devo adottare qualche particolare accortezza nell'alimentazione, in particolare per quanto riguarda l'apporto di sodio e iodio, al momento sto cercando di limitare entrambi, ma in particolare vorrei sapere se devo prestare attenzione allo iodio?

Vi ringrazio per l'attenzione.