Utente
Gentili dottori,
cerco di esporvi quanto più brevemente possibile la mia situazione.

Soffro di una serie di disturbi noiosi:

mi sveglio una o più volte a notte per mangiare, sono spesso stanco oltre il normale, la mattina mi sento molto rintronato e mi da fastidio la luce, nell’attività sportiva sono molto poco energico, ogni minimo sbalzo emotivo mi causa sudorazione eccessiva, e soprattutto soffro di eiaculazione precoce.

Tutti questi sintomi mi recano un discreto fastidio ma l’unico che non posso proprio tollerare è quello dell’eiaculazione precoce.
Un endocrinologo, per quel che ne posso capire io molto professionale e preparato, ha messo in relazione tutti questi sintomi affermando in sostanza che produco poca serotonina, o comunque ne assorbo troppa, e che questo stato depressivo va curato con il daparox in dosi minime. Partendo da due gocce al giorno fino a un massimo di dieci gocce al giorno.
(Faccio presente che la mia vita è sostanzialmente normale, esco, sono pieno di amici, faccio sport, lavoro ecc ecc.)

A parer suo l’assunzione di dosi minime di daparox andrebbe nel mio caso associata all’assunzione quotidiana di cialis, non essendo io abituato ad avere erezioni durature proprio a causa della mia eiaculazione precoce. Secondo questo endocrinologo l’assunzione combinata di questi 2 farmaci, oltre a risolvere i problemi cui accennavo sopra, risolverebbe il mio problema di eiaculazione precoce.

Qui però subentrano le perplessità mie e del mio medico di base, secondo il quale il daparox si da a chi è realmente depresso, cosa che secondo lui io non sono. Inoltre dice che il daparox potrebbe rallentarmi oltre al meccanismo dell’eiaculazione un po’ tutto l’organismo, rischiando di darmi sonnolenza e farmi ingrassare.
Io stesso non sono felicissimo di prendere antidepressivi e se non fosse per l’eiaculazione precoce non direi di averne bisogno, potendo tollerare i restanti sintomi. Sento di gente che ne diventa dipendente, che è visibilmente rallentata nelle azioni quotidiane e che entra in un amaro circolo vizioso.

Resta il fatto che devo risolvere il mio problema di EP altrimenti finisce che mi deprimo sul serio.

P.S. Ho provato il priligy: ha avuto qualche effetto sui tempi dell’eiaculazione ma la mia erezione era meno forte del solito e comunque un farmaco che va preso da 1 a 3 ore prima del rapporto mi sembra inservibile se non altro per un fatto logistico.
Ribadisco inoltre, come potete leggere dai quesiti precedenti, che ho già escluso, tramite appositi esami, le possibili cause organiche di eiaculazione precoce.

Che fare ?
Grazie a tutti

[#1]  
Dr. Domenico Canale

20% attività
0% attualità
0% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2011
Mi sembra che le indicazioni che le ha dato il Collega siano corrette. I farmaci SSRI sono da tempo utilizzati, seppur offlabel (cioè al di fuori della loro registrazione ufficiale) per il trattamento della eiaculazione precoce. E nel caso suo potrebbe anche risolvere gli altri sintomi. Anche la dose consigliata mi sembra appropriata. Anche per quanto riguarda il Cialis, seppur offlabel anche questa, mi sembra che possa esser fatto un tentativo per migliorare il tono erettile senza l'assillo dell'eiaculazione
Dr. Domenico Canale

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore. Leggo solo ora la sua risposta.
Io un tentativo lo farei anche, mi spaventa molto però l'idea di prendere antidepressivi. Le pongo pertanto due brevi quesiti:

1) E' vero che rischio di sentirmi rallentato e di ingrassare con le dosi di Daparox che ho indicato ? Che ne pensa delle perplessità del mio medico di base ?

2) Partendo dal presupposto che le cause organiche le ho escluse tutte tramite opportune analisi, secondo Lei esistono delle possibilità alternative o questa è l'unica che mi rimane ?

Grazie di nuovo