Utente 456XXX
Salve, sono una ragazza di 23 anni ed ho sempre avuto il ciclo regolare ( con massimo 2/3 giorni di ritardo). Il 18 marzo dovevo avere il ciclo ma ciò non è avvenuto per ben due mesi così ho fatto un ecografia e ho scoperto di avere l ovaio micropolicistico. Il mio medico curante mi ha prescritto un integratore (ovarica 30hp) che ho assunto regolarmente ed il ciclo è arrivato e si è ripresentato anche il mese successivo. La mia ginecologa invece mi ha fatto fare vari esami da cui è risultato che la curva insulinemica +120 è a 153 ( 18-56.00) e la prolattina 21.4 (5.0-20.0). Inoltre la stessa ginecologa mi ha segnato la pillola novadien ( che non ho ancora preso) e mi ha mandato da un endocrinologo. Quest ultimo mi ha consigliato di non prendere per il momento la pillola e mi ha prescritto metforal 500 e di rifare l ecografia e le analisi della prolattina 0+15+30 . Arrivati a questo punto io sono un po' confusa e vorrei sapere se la cura prescritta sia esatta o se invece dovrei assumere la pillola. Spero mi rispondiate buona giornata.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Ciociola

28% attività
4% attualità
12% socialità
ISOLA DI CAPO RIZZUTO (KR)
MILANO (MI)
MANFREDONIA (FG)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il percorso indicato dal collega endocrinologo indica una strategia terapeutica volta a migliorare il metabolismo tramite l'uso della metformina, che è confermato abbia una azione utile per la sindrome dell'ovaio policistico..e in ultimo a ripristinare l'ovulazione.
questo è il motivo per cui vuole rivalutarla a distanza di diversi mesi per rivedere le ovaie...
Diverso è il percorso che la collega ginecologa ha proposto visto che con la pillola si mettono a riposo transitoriamente le ovaie e si osserva spesso la regressione delle microcisti ovariche....comunque a distanza di alcuni mesi.
Consiglio di aggiornare la ginecologa , per correttezza in modo da condividere il punto di vista dell'endocrinologo...anche ipotizzando che le due cure non possano essere in contrasto tra loro.

cordiali saluti
Dr. francesco ciociola