Utente 166XXX
Salve, vorrei avere un'informazione da voi riguardo le analisi fatte da mia moglie recentemente per controllo. Le ha fatto due esami ematici di accertamento perchè si sentiva spesso stanca e con forti dolori alle ossa. Vi riporto di seguito i valori : vitamina d (25 OH) 13.6 ng/mL; tireotropina (TSH 3° generazione) 7.091 e tiroxina libera (FT4) 0.81 ng/dL nel primo esame. Il secondo invece è stato fatto solo l'accertamento per la tiroide perchè per la vitamina d è già stato prescritto il farmaco in quanto il valore è risultato molto sotto la norma. Valori secondo esame del sangue: tireotropina 8,947; tiroxina libera 1.01 ng/dL; anticorpi anti- tireoperossidasi < 28.0 U/mL; anticorpi anti- tireoglobulina < 15.0 U/mL .
Volevo un vostro parere in quanto mia moglie non è stata sottoposta ad una visita specialistica ma il nostro medico con questi valori nel sangue ha formulato la diagnosi di leggero ipotiroidismo ed ha prescritto eutirox da 25 e da 50 microgrammi.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Ciociola

28% attività
4% attualità
12% socialità
ISOLA DI CAPO RIZZUTO (KR)
MILANO (MI)
MANFREDONIA (FG)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Buongiorno,
sarebbe utile valutare la signora eseguendo la ecografia della tiroide, gli esami del profilo lipidico e del metabolismo generale così da valutare il riscontro di tali ormoni nel contesto globale.

La terapia prescritta dal cura serve correttamente ad integrare la funzione della tiroide che sta vendendo a rallentare.
La visita endocrinologica servirà anche a capire lo studio del metabolismo del calcio proprio nel contesto di una donna che nella fase della menopausa merita attenzione sul tessuto osseo.

Cordiali saluti
Dr. francesco ciociola

[#2] dopo  
Utente 166XXX

Grazie mille dottore della sua risposta. Si certo infatti però ancora il nostro medico non ha prescritto una visita specialistica per ulteriori accertamenti ;perchè io ad esempio per dei valori leggermente fuori dalla norma sono stato sottoposto a visita specialistica in cui però l'endocrinologo dopo ecografia e alcuni esami ematici non ha ritenuto opportuno somministrare la terapia. Io non voglio contestare l'operato del nostro medico ma solo capire attraverso un'analisi di voi specialisti meglio la cosa.Nel senso che sono stati prescritti due farmaci e non uno con due soli prelievi ematici senza ulteriori esami. Perchè poi tra l'altro nel secondo esame ematico il valore della tiroxina era rientrato nei parametri di norma. Per cui volevo sentire un vostro parare se con così pochi elementi si possono prescrivere due farmaci proprio perchè poi il valore era tornato normale. Ora io non so se magari proprio il fatto che da un valore leggermente sotto la norma ad uno nella norma precluda il fatto che la tiroide lavori leggermente meno di quello che dovrebbe però secondo me erano opportune ulteriori verifiche. Volevo solo sentire una vostra opinione senza voler contestare nessuno anche perchè poi nel caso è il nostro medico a prendersi la responsabilità di averli prescritti. Perchè parlando con altre persone ci sono delle amiche di mia moglie anche loro con dei valori della tiroide fuori dalla norma in menopausa che però non assumono i farmaci in quanto dopo essersi fatte vedere i medici gli hanno risposto che degli sbalzi di valore anche della tiroide in menopausa sono da considerarsi nella norma. Siccome volevo capirci dentro un po' meglio la cosa perchè ci sono opinioni mediche discordanti chiedo un vostro parere se potete gentilmente illustrarmi meglio la cosa.