Utente 441XXX
Salve, prima del 16/05/2017 sentivo il collo gonfio, ho effettuato una ecografia sotto consulto del medico e la risposta è stata:
- Esame eseguito con ecografo Hitachi Fulcro Hi Vision e con sonda lineare da 13 MHz.
-Tiroide con profilo regolare, di dimensioni normali (diametro longitudinale x anteroposteriore x trasverso lobo destro 44x14x15mm, lobo sx 43x12x16mm) ad ecostruttura omogenea.
- Non si aprrezzano immagini riferibili a definite formazioni nodulari.
- Non si apprezzano immagini riferibili a paratiroidi aumentate di volume.
- Ghiandole sottomandibolari e parotidi nella norma per dimensioni ed ecostruttura, esenti da immgini riferibili a scialolitiasi o a formazioni a carattere espansivo.
- In sede laterocervicale e sottomandibolare bilateralmente si segnala la presenza di multiple linfoadenomegalie, con caratteristica di tipo verosimilmente reattivo.
In particolare se ne segnalano due a livello lateroevicale sinistro, del diametro massimo di 18 e 25 mm e una a livello laterocervicale dx di 22 mm.

Ad oggi accusando dolori alla mandibola dx, all'orecchio dx e avendo la tonsilla dx ingrossata ho ripetuto l'ecografia al collo, risultati:
- Non significaive alterazioni ecostrutturali e volumetriche a carico delle ghiandole parotidee, ove si eccettui a sn la presenza di due immagini ipoecogene inscritte a livello del III inferiore da riferire, verosimilmente, ad iperplasie linfonodali intraparotidee (c.max mm 6.1).
- In sede laterocervicale/anglomandibolare bilaterale si apprezzano alcune iperplasie linfonodali, ovalari e con ilo conservato, a verosimilesignificato reattivo (d.max: cm 2.9 a dx 2.8 a sx).

[#1] dopo  
Dr. Francesco Ciociola

28% attività
4% attualità
12% socialità
ISOLA DI CAPO RIZZUTO (KR)
MILANO (MI)
MANFREDONIA (FG)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La presenza di linfonodi così descritti cioè ingranditi come da infiammazione nei distretti limitrofi è prevedibile, visto che descrive la tonsillite, il dolore e anche il risentimento all' orecchio. Questa situazione clinica merita una valutazione medica per valutare se eseguire terapia specifica con antiinfiammatori o eventuali antibiotici.
Non deve stupire se la tonsillite è "ritornata" visto che trattasi di malattia da raffreddamento spesso a genesi virale , con fisiologico risentimento dei linfonodi locali (che capita in modo più o meno evidente in quasi tutti i pazienti).
Cordiali saluti
Dr. francesco ciociola